Articoli sul tema ‘gino bartali’

Ricordo di un grande campione

Ciclismo: Gino Bartali moriva vent’anni fa. Sfidò Fausto Coppi, ma anche anche i nazisti

di Sandro Bennucci - - Cronaca, Cultura, Eventi, Sport

Gino Bartali, campione di ciclismo e di umanità

Vent’anni fa, il 5 maggio del 2000, moriva Gino Bartali, campione che non ha legato la sua esistenza soltanto alle sfide, sportivamente memorabili, con Fauto Coppi. Bartali, durante la guerra, contribuì a salvare decine di ebrei nascondendo documenti d’identità nel telaio della bicicletta che usava per allenarsi. Le leggendaria vittoria nel tour del 1948 che salvò l’Italia dalla guerra civile

La corsa rosa

Giro d’Italia 2019: omaggio a Montanelli e Bartali nella seconda tappa. Poi Leonardo

di Paulo Soares - - Cronaca, Eventi, Sport, Top News

Montanelli nacque a Fucecchio 110 anni fa, nel 1909, anno in cui si disputò la prima edizione della corsa rosa. Il ritrovo di partenza è fissato in piazza Maggiore, a Bologna, il via verrà dato alle 12.20, dopo un incolonnamento di 5,5 chilometri. Il percorso inizierà a salire fino allo scollinamento appenninico, seguito da una lunga discesa che porta a Prato. Gino Bartali è, sempre sarà, il ciclismo in Toscana e non solo

Il grande evento nel nome di Gino Bartali

Giro d’Italia 2018: Gerusalemme si tinge di rosa. Venerdì 4 maggio la cronometro

di Paulo Soares - - Cronaca, Sport, Top News

Città Vecchia compresa le cui Mura saranno viste in diretta tv da quasi un miliardo di persone – spicca dunque il Rosa del Giro: dai badge delle persone impegnate nella macchina organizzativa ai cartelli con le indicazioni, ai grandi poster di richiamo. Ogni grande albergo del centro si è mobilitato

Era il primogenito del campione

Ciclismo: morto il figlio di Gino Bartali. Fu lui, Andrea, a rivelare il padre salvatore di ebrei

di Redazione - - Cronaca, Cultura, Sport

Andrea Bartali indica il nome del padre iscritto nel Giardino dei Giusti a Gerusalemme

Dalle ricerche emerse che Gino Bartali trasportò, all’interno della sua bicicletta, dei documenti falsi per aiutare gli
ebrei ad avere una nuova identità. Questa attività nacque dalla collaborazione tra il rabbino di Firenze Nathan Cassuto e l’arcivescovo della città Elia Angelo Dalla Costa