Articoli sul tema ‘Orchestra della Toscana (ORT)’

Il programma di mercoledì 17 luglio

Firenze, Musart Festival: l’Orchestra della Toscana suona il rock con la Prague Philharmonic Orchestra

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

L’atmosfera e la potenza delle canzoni originali si combinano con il suono maestoso di un grande ensemble, impreziosito da tre voci femminili, dalla chitarra di Rony Janecek e dal drumming di Frantisek Hönig, già al fianco di Frank Zappa. Molti anche gli eventi gratuiti della giornata

Cosa fare di giorno e di sera

Week end 22-23 giugno a Firenze e in Toscana: Notturna di San Giovanni, spettacoli, eventi, mostre

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Spettacolo

L’ultima replica degli «Intermedi della Pellegrina» a Boboli, il Festival delle Orchestre Giovanili, Decibel Open Air, Cirk Fantastik a Scandiccilessandro Barbero e Ascanio Celestini all’Estate Fiesolana, la Notte bianca a San Giovanni Valdarno, la Festa Medievale BiancoAzzurra a Castiglion Fiorentino

Giovedì 16 maggio alle 21

Firenze: al Teatro Verdi si chiude la Stagione 2018-2019 dell’OER con Daniele Rustioni sul podio

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

L’Orchestra della Toscana porterà il programma a Siena il 17 e al Teatro Manzoni di Bologna il 20. Solista al violoncello il francese Edgar Moreau, oggi ventiquattrenne, che a 15 anni ha conquistato il secondo premio al Concorso Čajkovskij di Mosca e a 17 ha vinto il Rostropovič di Parigi

Da venerdì 25 ottobre 2019 a giovedì 21 maggio 2020

Firenze: presentato il programma della Stagione 2018-2019 dell’Orchestra della Toscana (ORT)

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

L'ORT (Orchestra della Toscana)

Sedici concerti, più uno speciale a Capodanno; molte formule di abbonamento (già in vendita) anche per poche date. Inaugura Tustioni; tornano Dmitri Sitkovetsky, Giovanni Sollima, Lorenza Borrani, Richard Galliano, Alexander Lonquich, e arrivano per la prima volta i direttori Evgeny Bushkov, Paolo Bortolameolli, Dalia Stasevska, Alexander Mayer; tra i solisti al violino Ilya Gringolts; al violoncello Julian Steckel; al pianoforte Dmitry Masleev e Francesco piemontesi; alle percussioni Simone Rubino