Primo piano

«Oggi a Roma naturalmente ci sono altre priorità... »

Casa, Renzi: «Il Governo sblocchi il riuso abitativo delle caserme»

di Redazione - - Cronaca

La ex caserma Lupi di Toscana

Oggi naturalmente è un giorno in cui a Roma hanno altre priorità, però sono convinto che questa vicenda debba essere affrontata. Così Matteo Renzi, sindaco di Firenze, rinnovando l’appello al governo per sbloccare la trasformazione e il riutilizzo a scopo abitativo delle caserme dismesse.

L’assessore Targetti ha risposto ad un’interrogazione in Consiglio

Scuola, in Toscana oltre 4.000 alunni disabili gravi

di Redazione - - Cronaca

Tanti gli alunni disabili nelle scuole toscane, servono risorse

Toscana ci sono 11mila 295 alunni disabili con un organico assegnato di 5mila 481 docenti, con un rapporto medio di 2,06 allievi per insegnante di sostegno. La vicepresidente della Regione Stella Targetti, assessore all’Istruzione, ha risposto in aula ad un’interrogazione dei consiglieri regionali di Fratelli d’Italia sulle ore di sostegno nella scuola.

«Si sta lavorando alla stabilizzazione della nave»

Concordia, Gabrielli: «Resta l’ipotesi Piombino ma decide la Regione»

di Redazione - - Cronaca

Per lo smaltimento della Concordia resta in pole Piombino

Sulla destinazione del relitto continuiamo ad avere il riferimento di Piombino ma è la Regione l’ente che ha la responsabilità del trasporto, perché la nave è un rifiuto. Sarà la Regione a dare l’autorizzazione al trasferimento e tutto questo sarà possibile a Piombino se Piombino sarà in grado di accoglierla. A dirlo il capo della Protezione civile Franco Gabrielli.

Presenti i segretari Camusso, Bonanni e Angeletti

La Lucchini non deve chiudere, domani manifestazione nazionale a Piombino

di Massimiliano Mantiloni - - Cronaca, Economia

Punto di non ritorno per la crisi della Lucchini

Al grido di Piombino non deve chiudere, l’altoforno non si deve fermare manifestazione di popolo domani in occasione dello sciopero generale dalle 8 alle 12. Corteo alle 9.00 da Largo Caduti del Lavoro e comizio finale in piazza Bovio con gli interventi dei Segretari generali di Cgil, Cisl ed Uil, Camusso, Bonanni e Angeletti.

La Cgia calcola le conseguenze economiche di una caduta dell’esecutivo

Governo Letta, quanto ci costa se cade?

di Massimiliano Mantiloni - - Politica

Le dimissioni dei cinque ministri del Pdl annunciate da Silvio Berlusconi pendono come una spada di Damocle sulla testa del governo Letta. Ma quali le conseguenze economiche dell’eventuale caduta del Governo? 9,4 miliardi di tasse in più, di cui 7,2 a carico delle famiglie. Tra ritorno dell’Imu e aumento dell’Iva, nel 2014 ogni nucleo famigliare potrebbe subire una stangata da 280 euro. Alla quale occorre aggiungere gli effetti dello spread.