Primo piano

Consegnate stamani targhe ricordo ai primi soccorritori in via dei Georgofili

«Per qualcuno quella maledetta strage è come se non ci sia mai stata»

di Sandro Addario - - Cronaca

Via dei Georgofili

L’Associazione dei familiari delle vittime dei Georgofili ha consegnato targhe ricordo ai primi soccorritori giunti sul luogo della strage il 27 maggio 1993. Era presente il presidente del Senato Pietro Grasso. «Per qualcuno, quella maledetta strage è come se non ci fosse mai stata» ha detto la presidente Giovanna Maggiani Chelli.

A seguire cucina, camera da letto, bagno e garage

Infortuni, in Toscana 19% incidenti domestici su scale

di Massimiliano Mantiloni - - Cronaca

Il giardino è il luogo meno pericoloso della casa dei toscani, quelli più pericolosi scale e cucina. Emerge da uno studio commissionato dalla Regione secondo cui la maggior parte degli incidenti domestici in Toscana avviene per le scale (19%) o in cucina (18%), in camera da letto (10,5%), in bagno (9%), in garage (8,6%), e solo 0,2% in giardino. Tra il ’97 ed il 2007 in Toscana ci sono stati 1.809 morti.

Si tratta di 111 milioni di euro

Alluvione, la Regione anticipa i soldi

di Massimiliano Mantiloni - - Cronaca

111 milioni di euro. E’ a quanto ammonta l’anticipo sui risarcimenti che la Regione Toscana ha stanziato per i danni dell’alluvione del novembre 2012. Il Governatore Rossi lamenta l’insensibilità dello Stato verso la sofferenza delle famiglie e delle imprese che hanno subito danni gravissimi. Per avere i contributi si può consultare il sito internet della Regione Toscana.

Stanotte alle 1.04 sarà il 20° anniversario della strage: la testimonianza di un sopravvissuto

Bomba dei Georgofili: «Così salvai mia madre, sepolta nelle macerie»

di Sandro Addario - - Cronaca

Via dei Georgofili

Stanotte sarà il ventesimo anniversario della strage di via dei Georgofili a Firenze. «Sono vivo solo perché a quell’ora di notte stavo studiando e non ero a dormire. La mia camera da letto è sparita nel crollo del palazzo». Parla Walter Ricoveri, l’uomo che salvò sua madre sepolta dalle macerie.