Articoli sul tema ‘roberto benigni’

Il miglior attore non protagonista

Cinema: Roberto Benigni vince il Ciak d’oro per il Pinocchio di Garrone

di Ernesto Giusti - - Cinema, Cronaca, Cultura, Spettacolo

Ciak d’oro assegnato da una giuria di 150 giornalisti e critici. Miglior attore non rotagonista è Roberto Benigni per il suo Geppetto in Pinocchio di Matteo Garrone, film che vince anche nelle categorie migliori costumi (a Massimo Cantini Parrini, anche per ‘Favolacce’), Migliori Scenografie (a Dimitri Capuani) e Miglior Sonoro (a Maricetta Lombardo)

Da lunedì 15 luglio a giovedì 8 agosto

Firenze: torna il Cinema tascabile, che omaggia Carlo Monni e altri attori toscani. Il programma

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Il furgoncino cinematografico che dispensa film gratis si fermerà al giardino di Villa Arrivabene (Q2), al giardino del Centro sociale Sorgane (Q3), in Piazza Crezia (Q4) e nella Piazza della Coop a Le Piagge (Q5); chi vorrà, potrà portarsi la sedia da casa; la proiezione è, naturalmente, a ingresso libero.

Le letture in tv dei testi della Bibbia incassano il favore della Chiesa

Benigni, dopo i «Dieci Comandamenti» ora è pronto per la porpora cardinalizia

di Sandro Addario - - Cronaca, Cultura

Roberto Benigni

Ottiene l’ammirazione della Cei (e oltre due milioni di euro dalla Rai) Roberto Benigni che con due ore filate di monologo, ha chiuso ieri sera 16 dicembre le due puntate televisive dei «Dieci Comandamenti». Con il consenso del pubblico, della politica e ora anche della Chiesa ne esce lentamente un identikit per il Quirinale. E non è detto che Renzi non ci stia proprio pensando.

Ieri e stasera 16 dicembre su Rai 1 la Bibbia in stile «breaking news»

Benigni, dal «Wojtylaccio» ai Dieci Comandamenti. E la Rai gli paga 2 milioni

di Sandro Addario - - Cronaca, Cultura

Roberto Benigni

Nel settembre 1983 Roberto Benigni fu condannato per bestemmia e turpiloquio, durante la festa dell’Unità di Reggio Emilia. Oggi la Rai gli paga almeno 2 milioni di euro per commentare i Dieci Comandamenti in due serate. Dalla balbuzie di Mosè all’esodo degli Ebrei, la Genesi secondo Roberto.

50mila spettatori nelle serate estive fiorentine 2013

Tuttodante, Benigni mattatore con Berlusconi, Papa e Ikea

di Massimiliano Mantiloni - - Cronaca

«Mi sono scordato un attimo della Cassazione e i giudici sono andati troppo veloci: non ho avuto il tempo di comprarli tutti ». Queste le parole che Roberto Benigni ha attribuito nella canzone «Io sono il boss» a Silvio Berlusconi, a proposito della sentenza della Cassazione. Prima di iniziare la lettura dell’Inferno, dal palco di Santa Croce, il comico e regista toscano si è occupato di attualità. Serata finale con 5mila persone, 50mila durante le serate fiorentine 2013.

Il premio Oscar: "Grande uomo". Tra i presenti, il sindaco Matteo Renzi

Firenze saluta Carlo Monni: anche Benigni al funerale dell’attore

di Giulia Ghizzani - - Cronaca

Tutta la città si è stretta, questo pomeriggio, attorno a Carlo Monni, l’attore scomparso all’età di 70 anni dopo una lunga malattia. Al funerale, che si è svolto all’interno del Teatro di Rifredi, hanno partecipato tante persone, fan e amici. Tra i presenti, il sindaco Matteo Renzi e il regista toscano Roberto Benigni, che ha ricordato Monni con parole sincere e toccanti.