Covid: piano di Natale contro Omicron. Obbligo di tamponi per luoghi affollati. Deciderà la cabina di regìa

Tra le ipotesi sul tavolo della cabina di regia, convocata per il 23 dicembre prossimo e presieduta dal premier Mario Draghi, un nuovo piano di Natale, con un’eventuale ulteriore estensione dell’obbligo vaccinale a particolari categorie di maggiore contatto con il pubblico. Non mancherebbe poi l’obbligo di mascherine all’aperto o la possibilità di chiedere un tampone, oltre al Green pass, per accedere a locali al chiuso particolarmente affollati, come le discoteche

Leggi

Green pass anche per trasporti e scuola. Lettera di Figliuolo alle Regioni

Da domani, venerdì 6 agosto, per mangiare al ristorante bisognerà avere il green pass valido. Da mostrare ad ogni richiesta. Così come per andare a teatro, al cinema, in palestra.,  Ma a 24 ore dall’entrata in vigore dell’obbligo del certificato verde, il governo amplia la platea delle attività e dei servizi in cui sarà obbligatorio: includendo trasporti a lunga percorrenza e scuola

Leggi

Green pass in bar e ristoranti dal 6 agosto: ma solo se al chiuso e al tavolo

Il green pass dovrà essere esibito al bar e al ristorante, dal 6 agosto 2021, ma solo per consumazioni al tavolo e al chiuso, spettacoli all’aperto, centri termali, piscine, palestre, fiere, congressi e concorsi. Non sarà invece necessario per le consumazioni a bar e ristoranti all’aperto e al bancone. Led discoteche restano chiuse. Stato d’emergenza prorogato al 31 dicembre 2021

Leggi

Covid: mercoledì cabina di regìa per il green pass. Ristoranti esclusi dall’obbligo

Molto probabile che l’utilizzo sia esteso, oltre che per matrimoni ed eventi anche per aerei, treni, navi a lunga percorrenza, cinema, teatri, concerti, piscine e palestre. E sui ristoranti la mediazione potrebbe essere quella proposta da Costa: una gradualità nell’utilizzo del pass a seconda della situazione. In sostanza, nelle regioni in cui ci sono criticità maggiori si farà un uso più ampio e restrittivo

Leggi

Cabina di regìa: coprifuoco a mezzanotte dal 24 maggio. E nuove riaperture. Ma restano tensioni nel governo

Nonostante le divisioni di bandiera – la Lega che fa l’apripista, il Pd che la attacca, il M5S che non ce la fa più ad essere rigorista – la cabina di regìa di oggi, 17 maggio 2021, dovrebbe dare nuove libertà a un’Italia ormai tutta gialla (tranne la Val d’Aosta) e stabilire, per esempio, che dal 24 maggio il coprifuoco scatterà solo a mezzanotte. Ma sono previste anche provvedimenti per consentire le cene al chiuso nei ristoranti, date certe per matrimoni, palestre e piscine. Lega e Pd litigano, M5S ora è meno rigorista

Leggi

Spiagge riaperte, tornano i turisti. Coprifuoco a mezzanotte? Lunedì cabina di regìa

Non c’è ancora sole pieno, il tempo, anzi, fa i capricci. Ma riaprono gli stabilimenti balneari e le piscine all’aperto. I turisti stranieri cominciano a ripopolare il Belpaese dopo la circolare del ministro della Salute, Roberto Speranza, che cancella la quarantena per i cittadini dell’Unione Europea e della Gran Bretagna. E’ un pezzo importante d’Italia che riapre. Possibile posticipo del coprifuoco a mezzanotte

Leggi

Covid: resta il coprifuoco, ma posticipato alle 23. Colori delle Regioni: in base ai letti di terapia intensiva

Cambia il decreto Covid. Resterà il coprifuoco, ma posticipato alle 23. E ancora: i matrimoni ripartiranno a metà giugno, mentre i centri commerciali potranno tornare ad accogliere clienti anche nei fine settimana forse già dal 22 maggio. E non è escluso che si arrivi ad una revisione dei parametri che determinano il cambio di colore delle Regioni: al posto dell’Rt diventerà determinante l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva

Leggi