Toscana coronavirus: nessun decesso, oggi 16 ottobre, 212 nuovi casi, età media 48 anni

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 197,0 x100.000 residenti contro il 221,9 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (281,3 x100.000), Prato (250,7 x100.000) e Firenze (236,5 x100.000), il più basso a Grosseto (96,1 x100.000)

Leggi

Coronavirus in Toscana: aumentano morti (8, età media 79 anni), oggi 15 settembre. E anche i nuovi contagi (373)

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 192,9 per 100.000 residenti contro il 219,4 per 100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (279,2 per 100.000), Prato (242,5 per 100.000) e Firenze (231,7 per 100.000), il più basso a Grosseto (91,5 per 100.000).

Leggi

Coronavirus in Toscana: 2 morti (età media 74,5 anni), oggi 3 settembre. E 525 nuovi casi di positività

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 191,6 x100.000 residenti contro il 218,3 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (278,7 x100.000), Prato (240,2 x100.000) e Firenze (230,1 x100.000), il più basso a Grosseto (89,2 x100.000).

Leggi

Coronavirus in Toscana: tre morti (età media 82,3 anni), oggi 30 agosto. E 348 nuovi contagiati

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 191,0 x100.000 residenti contro il 217,9 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (278,7 x100.000), Prato (239,0 x100.000) e Firenze (229,6 x100.000), il più basso a Grosseto (89,2 x100.000).

Leggi

Vaccinati con due dosi: protetti al 97% dal rischio di morte. Le cifre dell’Istituto superiore di sanità

L’Istituto Superiore di sanità emette verdetti ritenuti scioentificamente risolutivi. La doppia dose di vaccini, secondo l’Iss, scongiura il rischio morte nel 97,16% dei casi. I numeri del monitoraggio relativi all’ultimo mese, confermano l’efficacia del siero nella durissima battaglia contro il Coronavirus. Percentuali che restano alte anche per chi ha inoculato una sola dose di vaccino, in questo caso si attesa all’84% l’efficacia contro i decessi.

Leggi