Tamponi anche ai vaccinati: per stadi, discoteche, concerti. Ipotesi del governo contro variante Omicron

Il governo rivendica la stretta sui viaggi e non esclude ulteriori misure se la situazione dovesse peggiorare, a partire dalla possibilità di introdurre l’obbligo del tampone anche per i vaccinati che vogliono andare a vedere le partite negli stadi, entrare in discoteca o assistere ad un concerto. Che l’incidenza dei casi legati ad Omicron crescerà anche in Italia, gli esperti ne sono ormai convinti, anche se al momento la prevalenza della variante è ferma allo 0,19%

Leggi

Cinema e teatri tornano al 100%. Discoteche al chiuso al 50%. Decisivo il vertice Draghi-Salvini

Il consiglio dei ministri vota all’unanimità il provvedimento che riporta al 100% la capienza di cinema e teatri, mentre le discoteche al chiuso possono arrivare al 50%. In sostanzè è stato trovato l’accordo sulle riaperture dopo le fibrillazioni degli ultimi giorni, soprattutto fra Draghi e Salvini. Il Consiglio dei ministri dà il via libera al decreto che riporta gli italiani sulle piste da ballo, nei cinema e nei teatri e allarga anche la capienza di pubblico nei palazzetti dello sport.

Leggi

Discoteche: manca l’accordo sul decreto capienze. La Siae: con questi limiti non si può riaprire

Su quest’ultimo punto, dopo il via libera del Comitato tecnico scientifico ad una capienza massima del 35%, non c’è accordo: Matteo Salvini che parla di presa in giro e le associazioni di categoria sono pronte a scendere in piazza. Categorica anche la Siae, già critica con la decisione di non eliminare i limiti di capienza per cinema e teatri: riaprire in queste condizioni è impossibile

Leggi

Salvini: «Riforma del catasto è una patrimoniale. Discoteche al 35%? Presa in giro». Ma non vuol far cadere il governo

«La Lega non darà mai un ok all’aumento delle tasse», ha detto il segretario della Lega incontrando i cronisti. E aggiungendo: «Nell’articolo 7 c’è la possibilità di un aumento della pressione fiscale. Io voglio ridurre le tasse sulla casa, non aumentarle. Non firmo un assegni in bianco. Non mi basta che il ministro dell’Economia dica che gli aumenti possano scattare dal 2026. Questa è una patrimoniale. Il Parlamento intervenga e modifichi l’articolo»

Leggi