Uccisa a Ravenna: il marito resta in carcere. Il Riesame conferma la custodia cautelare per Cagnoni

I giudici bolognesi hanno dato atto che esistono due elementi forti a carico del sospettato: le impronte lasciate sulla scena del delitto nel sangue della vittima (soprattutto quella del palmo di una mano sinistra) e i due messaggi con cui Cagnoni la notte del fermo (tra il 18 e il 19 settembre) dalla villa paterna a Firenze, prima di fuggire all’arrivo della polizia

Leggi

Uccisa a Ravenna: la difesa chiede la scarcerazione di Matteo Cagnoni al tribunale del riesame di Firenze

Al momento, però, l’istanza è priva di «motivi a sostegno», potendosi riservare la difesa la loro formulazione in un momento successivo. Ciò perché la difesa di Cagnoni è in attesa di conoscere un’eventuale provvedimento di custodia del gip di Ravenna, atto previsto dopo che il gip di Firenze si è dichiarato territorialmente incompetente

Leggi