Draghi da Mattarella. A Montecitorio ha detto: “Anche il cuore dei banchieri batte…”. Ora governo in carica per affari correnti

ROMA – Il copione era già scritto da ieri sera, anche su Firenze Post: il presidente del consiglio, Mario Draghi, si è presentato stamani alla Camera annunciando le dimissioni. Poi è salito al Colle per riferire a Mattarella. Che dovrà decidere cosa fare. Cosa non scontata: i giuristi del Quirinale sono stati svegli, la notte scorsa, per cercare una strada prima di giungere allo scioglimento delle Camere.

Leggi

Decreto Ucraina: slitta il voto di fiducia. Manca per tre volte il numero legale a Montecitorio

Nuovo allarnme per il governo Draghi: manca per tre volte il numero legale, a Montecitorio, impedendo Premier di porre la fiducia sul dl Ucraina bis. Mentre il M5s continua a strattonare l’esecutivo, rilanciando la battaglia contro il termovalorizzatore di Roma, il leader della Lega Matteo Salvini si unisce al coro di chi invoca lo stop all’invio di armi a Kiev e chiede a Draghi garanzie precise per i balneari

Leggi

Governo Draghi: aperture di Berlusconi e Di Maio. Conte: «Non sono un ostacolo»

C’è stata una doppia apertura, al presidente incaricato Draghi, a poche ore dall’avvio del primo giro di consultazioni. Arriva da Berlusconi e Di Maio. Il presidente di Fi avverte il centrodestra che la scelta di Mattarella per l’ex presidente della Bce «va nella direzione che abbiamo indicato da settimane: quella di una personalità di alto profilo istituzionale attorno alla quale si possa tentare di realizzare l’unità sostanziale delle migliori energie del Paese»

Leggi

Trattativa per il governo: tensione renziani-grillini. E Fico lascia il tavolo

Toni accesi al tavolo organizzato dal presidente della Camera, Roberto Fico. Fra Italia Viva e grillini toni accesi, a tratti perfino aspri. Due i nodi di fondo: Maria Elena Boschi ha chiesto un documento finale, ossia l’accordo scritto che i renziani vorrebbero prima di fare il nome del presidente del consiglilo. I grillini fanno quadrato intorno a Conte e non vogliono nessun documento

Leggi