Morti ospedali, Regione: «C’è stato un errore ma il sistema è ok»

Quattro casi di trasfusioni sbagliate in due anni, compreso quello del pensionato che il 25 agosto è morto per l’errore di un’infermiera dell’ospedale di Grosseto. Lo stesso giorno, poche ore prima, il decesso di una ragazza di 17 anni, ricoverata a Orbetello per i postumi di una caduta. Episodi di fronte ai quali non è più scontata la riposta alla domanda se il sistema sanitario toscano rappresenti ancora l’eccellenza.

Leggi

Morti ospedali, parenti 76enne di Grosseto denunciano: «Tenuti all’oscuro dell’errore»

La trasfusione sbagliata dopo la quale è morto il 76enne, avvenuta domenica mattina all’ospedale di Grosseto, fu comunicata dai sanitari ai parenti solo nel tardo pomeriggio. I familiari furono tenuti all’oscuro fino a quando si precipitarono in ospedale avendo ricevuto una chiamata alle 18. E’ quanto si spiega in una nota diffusa da Alessandra Silvestri, legale dei familiari dell’anziano, morto poi la sera del 25 agosto.

Leggi

Morto per trasfusione sbagliata, procuratore Grosseto: «Fare chiarezza»

Si rimane sconcertati. Bisogna fare chiarezza al più presto. Lo ha detto il procuratore capo di Grosseto, Francesco Verusio, in merito al decesso del 76enne, morto all’ospedale grossetano domenica scorsa, dopo essere stato sottoposto a una trasfusione di sangue sbagliata. Il riferimento del procuratore è anche al caso della morte avvenuta all’ospedale di Orbetello di una diciassettenne.

Leggi