M5S: Grillo vuole Giuseppe Conte capo unico del Movimento. Ma con un paio di vice al fianco

Una sorta di capo unico, sulla falsariga del ruolo esercitato da Luigi Di Maio prima e Vito Crimi poi, nei panni del reggente. Sarebbe questo, il ruolo che Beppe Grillo vorrebbe affidare all’ex premier Giuseppe Conte. Che ha raccolto l’invito e preparerà un progetto rifondativo. Nel summit alcuni avrebbero sollevato la necessità di affiancare al ruolo politico uno o due vice

Leggi

M5S: Grillo arrabbiato per fuga di notizie. Il summit a Bibbona può saltare

Avrebbe voluto, Beppe Grillo, mettere le basi per la ricostruzione del Movimento 5 Stelle, domenica 128 febbraio, a casa sua, a Marina di Bibbona. Per un vertice al quale avrebbero dovuto partecipare anche l’ex premier Giuseppe Conte, Luigi Di Maio a Roberto Fico, Vito Crimi e altri volti noti del Movimento.  Ma il vertice grillino a Marina di Bibbona, nella casa del garante Grillo, rischia di saltare per la fuga di notizie

Leggi

Caso Giorgia Meloni: il Pd salva la poltrona di Van Straten alla presidenza di Alinari

Non passa la proposta di rimozione immediata di Giorgio Van Straten dalla presidenza della Fondazione Alinari. L’ordine del giorno presentato da Fratelli d’Italia e sottoscritto anche da Forza Italia, Lega e Movimento 5 stelle, è stato bocciato dal Consiglio regionale. Il Pd ha fatto quadrato intorno a Van Straten, che era ai microfoni di Controradio quando Giovanni Gozzini pronunciò gli insulti contro la leader di Fdi

Leggi

M5s: pugno di ferro. Crimi annuncia l’espulsione dei 15 senatori dissidenti

E’ durissimo Vito Crimi. Annuncia: «I 15 senatori che hanno votato no alla fiducia saranno espulsi». Il capo politico del Movimento 5 stelle, in qualche modo sfiduciato da coloro che lo criticano, aggiunge: «I 15 senatori si collocano, nei fatti, all’opposizione. Per tale motivo non potranno più far parte del gruppo parlamentare del Movimento al Senato. Ho dunque invitato il capogruppo a comunicare il loro allontanamento, ai sensi dello Statuto e del regolamento del gruppo». 

Leggi

M5S spaccato: chiesto nuovo voto su Rousseau (con quesito chiaro) per appoggio a Draghi

Grillini spaccati in vista del voto alle Camere sul governo Draghi. Appello al Capo Politico pro tempore del Movimento 5 Stelle, Vito Crimi, o in sua vece al Garante per chiedere, un nuovo voto su Rousseau circa l’appoggio grillino al governo Draghi. La richiesta è apparsa in rete. La petizione che gira on-line tra la base e che porta la firma di una settantina di iscritti

Leggi

Governo Draghi: Casaleggio auspica astensione dei 5Stelle a disagio

Molti parlamentari segnalano che vorrebbero votare contro non essendo passibili di sanzioni disciplinari sulla base dei precedenti e delle regole attuali, ma lui ritiene importante in questo momento lavorare per la massima serenità di tutti nel rispetto di regole e principi che ci siamo dati. Per questo motivo, auspica che chi senta il disagio nel sostenere questo Governo percorra la scelta dell’astensione

Leggi

M5S su Rousseau: sì al sostegno a Draghi. Grillo li ha convinti a stare al potere

Cambiamento totale di rotta: Grillo ha convinto i grillini che stare al potere è meglio che non starci. Così il voto sulla piattaforma Rousseau, tanto temuto dal fondatore del movimento e da Di Maio, ha dato il risultato sperato dai vertici del Movimento 5 Stelle.  Sono stati 74.537 i votanti M5s sulla piattaforma Rousseau che hanno espresso il loro voto sul governo Draghi: di questi il 59,3% si espresso favorevolmente

Leggi

Governo: Draghi pronto a respingere l’appetito dei partiti. Il M5S teme l’emarginazione

Non si rassegnano, i partiti della vecchia maggioranza (ma più il Movimento 5 Stelle del Pd o di Leu) a perdere gran parte del loro potere e della loro influenza con il governo Draghi. Il M5S è addirittura terrorizzato dal voto degli iscritti che uscirà dalla piattaforma Rousseau: se dovessero dire no al governo di salvezza nazionale emarginerebbero i loro rappresentanti. Salvini candidato per un ministero

Leggi