Draghi a Orban: «Rispetta i trattati Ue». Scontro con Budapest sulla discriminazione dei diritti umani

Non è un politico in senso stretto Mario Draghi, nel senso che conosce le regole della diplomazia, ma talvolta dice quelo che pensa senza porsi troppi problemi. Disse di Erdogan che è un dittatore, si sono visti al G7 e non è successo nulla. Stavolta, durante il dibattito sulle leggi ungheresi, discriminatorie per la comunità Lgbti, Draghi ha ricordato a Viktor Orban che l’Articolo 2 del Trattato Ue è lì per un motivo: l’Europa ha una storia antica di oppressione dei diritti umani

Leggi