Siena: non è meningococco C. La donna di 69 anni ricoverata alle Scotte è stata colpita dal batterio Haemophilus influenzae

«Si tratta di un batterio – spiega Andrea De Luca, direttore malattie infettive dell’azienda ospedaliera e universitaria senese – che raramente può determinare infezioni gravi nei bambini piccoli o negli adulti immunodepressi ed è meno aggressivo del più noto meningococco di tipo C. La trasmissione avviene attraverso contatto diretto con le secrezioni naso-faringee»

Leggi