La leggendaria nave scuola dei cadetti dell'Accademia di Livorno

Marina militare: l’Amerigo Vespucci ferma in cantiere almeno fino al 2016

di Sandro Addario - - Cronaca

Stampa Stampa
L'Amerigo Vespucci, il vanto della Marina militare italiana

L’Amerigo Vespucci, il vanto della Marina militare italiana

ROMA – Tornerà a navigare solo dopo l’estate 2016 la nave scuola «Amerigo Vespucci», il veliero simbolo della Marina militare, fermo nei cantieri di La Spezia dal 2014 per urgenti lavori di manutenzione.

Lo ha annunciato lo stesso capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Giuseppe De Giorgi, intervenendo alla presentazione della nuova edizione di «Linea Blu», il programma di Rai1, al via da domani 11 aprile alle 14.30 e condotto da Donatella Bianchi.

Il Vespucci – ha detto De Giorgi – «sta attraversando un periodo travagliato. I lavori necessari sono importanti, onerosi e lunghi. Al momento siamo fermi e stiamo cercando di raccogliere nuovi fondi per proseguire, anche attraverso la vendita di navi in disuso. Speriamo di terminare i lavori entro l’estate del 2016».

Per il secondo anno consecutivo (e probabilmente anche il terzo) i cadetti dell’Accademia Navale di Livorno non effettueranno la loro classica «crociera estiva di istruzione» del primo anno a bordo del leggendario veliero sul quale generazioni di marinai si sono avvicendati durante il loro percorso di formazione. Nell’estate 2014 i cadetti svolsero il loro addestramento in crociera nel Mediterraneo e in Atlantico a bordo del moderno cacciatorpediniere «Luigi Durand de La Penne» un’unità totalmente diversa dal Vespucci, ma altrettanto valida per la loro formazione.  Non è escluso che anche quest’anno venga scelta questa unità, o un’altra della «classe Ammiragli» ma i programmi sono ancora in fase di preparazione. E soprattutto saranno improntati, c’è da scommetterlo, al massimo risparmio.

 

 

 

Tag:, ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.