Capitan Pasqual: «Ecco la mia viola più forte»

Fiorentina, in attesa di Ilicic e di… Andrea Della Valle

di Massimiliano Mugnaini - - Sport

Stampa Stampa

 

Capitan Pasqual punta a far divertire i tifosi viola

Capitan Pasqual punta a far divertire i tifosi viola

Il giorno dopo la cessione ufficiale di Stevan Jovetic (a proposito, oggi il giocatore ha sostenuto e superato le visite mediche con il Macnhester City), il morale in casa viola resta altissimo. Nonostante la pioggia che continua a scendere sul ritiro di Moena. La frebbre, in Trentino, cresce. Sono già arrivati numerosi tifosi e nel week end ci sarà la prima vera invasione.

Tutto ciò, attendendo l’arrivo di Josip Ilicic che da giorni pare a un passo dalla Fiorentina, ma non viene mai ufficializzato. Dal sito viola, invece, oggi è giunto l’ennesimo aggiornamento sul numero degli abbonati che continua a crescere ed ha raggiunto quota 18.000. Tutti in attesa di altri colpi, dunque, ma a Moena anche dal patròn Della Valle che dopo il bagno di folla di lunedì scorso al Franchi, potrebbe palesarsi anche a Moena nei prossimi giorni. Magari già domani quando è in programma la prima amichevole (ore 17,30) in montagna contro i dilettanti del Team Trentino, mentre in mattinata la squadra lavorerà solo in albergo.

Ad accoglierlo troverà comunque una truppa con il morale molto alto, come testimoniato dalle parole di oggi di capitan Pasqual. A cominciare dalla sua frase da titolo: «Questa è sicuramente la Fiorentina più forte in cui ho giocato». E si tratta di un giocatore che qualche squadra viola l’ha indubbiamente vista: per lui questa è la nona stagione.

Ovvio quindi che non si accontenti del minimo sindacale dal punto di vista dell’obiettivo stagionale. «Vogliamo fare qualcosa d’importante. Questa squadra è stata costruita per brillare. Lo scudetto è una parola lontana ma non sarebbe male alzare l’Europa League o Coppa Italia. Vogliamo divertirci e far godere i nostri tifosi».

Già, l’Europa. L’occasione per il capitano è anche quella di chiedere un po’ di rispetto dal punto di vista dell’intervallo da mantenere tra le partite al giovedì e quelle di campionato, che la Fiorentina vorrebbe giocare di lunedì. «Società e giocatori sicuramente non tralasceranno questo aspetto quando sarà deciso il calendario».

Poi, alcuni giudizi sui singoli. Nuovi («Alonso è forte ma la concorenza fa bene perché quest’anno ci sarà molto bisogno di rifiatare») ma anche… vecchi. «Neto aveva la nostra fiducia anche lo scorso anno, ha grandi doti. Sono stato subito contento quando ho visto Pizarro sul pullman: mi ha tranquillizzato la sua presenza. Credo che Ljajic possa ancora crescere molto dando parecchio alla Fiorentina. Jovetic invece secondo me è andato al City anche per non rafforzare una diretta concorrente».

 

Tag:, ,

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.