E' stata riconosciuta addirittura l'associazione a delinquere

Condanna esemplare per i writers

di Paolo Padoin - - Cronaca, il Blog di Paolo Padoin, Lente d'Ingrandimento

Treni

Scritte sui treni

Per la prima volta in Italia due writer sono stati condannati a una pena di sei mesi e venti giorni per associazione a delinquere finalizzata all’imbrattamento e al deturpamento. Il gup di Milano ha ratificato l’impianto accusatorio della procura, diminuendo leggermente le pene chieste dal pm. Per altri due ragazzi, il giudice ha trasmesso gli atti al tribunale per i minorenni, perché all’epoca dei fatti non avevano ancora diciotto anni. Secondo l`indagine della polizia municipale milanese, i due condannati facevano parte di un “sodalizio organizzato”, la crewAsd, dotato di regole e organizzazione interna. I due graffitari dovranno anche svolgere 400 ore ciascuno di lavori socialmente utili in alcuni centri anziani, cosi come si erano offerti di fare dopo le denunce, tenendo corsi di disegno e pittura.

«Il riconoscimento del reato associativo è un fatto inedito, ma ancora più importante per noi è il risarcimento ottenuto dall`amministrazione comunale in forma di servizi sociali dedicati agli anziani e ai disabili — ha commentato l’assessore comunale alla sicurezza Marco Granelli— In questo modo si ribadisce che chi danneggia la città con atti di vandalismo deve risarcire la collettività con un impegno sociale». Il problema dell’imbrattamento di edifici e monumenti è diffuso in tutt’Italia, soprattutto nelle grandi città, dove i giovani usano le bombolette spray per lasciare firme e disegni anche sui treni in stazioni e gallerie della metropolitana. Speriamo che la prassi delle condanne di questo tipo, con obbligo di svolgere anche lavori socialmente utili, si estenda anche al resto del paese, in modo da porre un freno all’azione di chi non rispetta le regole della civile convivenza e danneggia la collettività.

Tag:,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.