Skip to main content
Annigoni

Firenze, riapre il Museo «Pietro Annigoni» a Villa Bardini

Pietro Annigoni
Pietro Annigoni, autoritratto

FIRENZE – Sono trascorsi venticinque anni dalla scomparsa del pittore Pietro Annigoni, milanese di origine e vissuto a Firenze fino alla sua morte (1910-1988). Per questa occasione è riaperto da ieri 28 ottobre nuovamente al pubblico il «Museo Pietro Annigoni» a Villa Bardini (Costa San Giorgio 2 Firenze) con un nuovo allestimento e ulteriori ambienti espositivi. Una data non casuale, perché coincide proprio con quella della scomparsa del Maestro.

Sottoposto a un recente intervento di ristrutturazione, il museo è adesso uno spazio che si integra con l’essenza dell’arte di Annigoni. La nuova sistemazione degli ambienti e delle opere, curati da Samuel Marcuccio, propone un percorso semplificato, che guida i visitatori verso le opere più significative dell’artista.

Per questo sono state selezionate quaranta dipinti del «Fondo Annigoni», esposti in cinque sale al secondo piano – senza escludere la possibilità di eventuali future rotazioni.

Nella collezione sono presenti il ciclo delle «Solitudini» e i dipinti che interrogano il rapporto tra uomo e natura come «La Partenza», «Antico giardino» e «Mareggiata». Anche la ritrattistica, in particolare del nucleo familiare, rientra nell’esposizione così come alcune opere che fanno riferimento ad alcuni episodi della vita del pittore.

Al gruppo di opere di Annigoni si sono inoltre aggiunti due nuovi lavori. Si tratta del «Ritratto della Baronessa Stefania von Kories» (1958 – 1959), che per volontà testamentaria della stessa nobildonna ritratta, scomparsa a Londra lo scorso marzo, è stata destinata all’esposizione permanete al pubblico.

La seconda acquisizione è uno dei pochi cartoni che Annigoni utilizzava per i suoi affreschi. Si tratta de «Le Streghe» (1971), il disegno di un affresco conservato oggi in una collezione privata fiorentina. Diversamente da altri fogli di grandi dimensioni cartonati, questo disegno si è mantenuto integro, dimostrando bene la tecnica e la sintonia con la tradizione rinascimentale fiorentina.

Entrambe le opere sono attualmente esposte nella rassegna «Pietro Annigoni: presenza di un Artista’ nel 25° anniversario della scomparsa» allo «Spazio Mostre dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze», in corso fino al 6 gennaio.

Con il biglietto di ingresso a Villa Bardini è possibile accedere al «Museo Pietro Annigoni» e anche alla mostra «Il Rinascimento da Firenze a Parigi. Andata e Ritorno. I tesori del Museo Jacquemart Andrè tornano a casa. Botticelli, Donatello, Mantegna, Paolo Uccello» in corso al «Museo Capucci» – con possibilità di ammirare le sculture di Francesco Messina situate nel parco.

Il rifacimento del «Museo Pietro Annigoni» è stato realizzato realizzato su iniziativa dell’ «Ente Cassa di Risparmio di Firenze» – dal 2007 proprietaria di una parte del Fondo Annigoni – in collaborazione con la «Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron».

 

MUSEO ‘PIETRO ANNIGONI’
Villa Bardini, via Costa S. Giorgio, 2 – Firenze
Orario: da martedì a domenica 10-19
(ultimo ingresso ore 18) – lunedì: chiuso
Tel. 055 20066206 da lunedì a venerdì
Tel. 055 2638599 tutti i giorni della settimana
Info  www.bardinipeyron.it
info@bardinipeyron.it

 

mostra, museo, pietro annigoni, villa bardini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741