Striscione a forma di assegno, blitz anti-Tav dei 5stelle in Palazzo Vecchio

Lo striscione a forma di assegno esposto dai 5stelle
Lo striscione a forma di assegno esposto dai 5stelle
Lo striscione a forma di assegno esposto dai 5stelle

FIRENZE – Blitz anti-tav in Palazzo Vecchio dei Cinque stelle: un gruppo di attivisti, guidati da Alfonso Bonafede, hanno intercettato, all’uscita dal Consiglio comunale, il sindaco Matteo Renzi, chiedendogli un confronto sul tema della realizzazione del Tunnel Tav. I manifestanti hanno esposto uno striscione a forma di assegno con la cifra 1.500.000 euro per indicare la differenza tra il costo dell’attuale progetto e quello, proposto da comitati locali, del passaggio sui binari di superficie.

«Abbiamo consegnato al sindaco il documento dell’Arpat che dimostra come i lavori per il tunnel abbiano causato dislivelli nel terreno, perché Renzi –ha affermato il parlamentare grillino– non ha ancora visto questi documenti. Noi sulla Tav vogliamo un incontro aperto a tutta la cittadinanza. Vediamo se il sindaco sarà disponibile ad arrivare a questo».

Poco dopo, alcuni dei manifestanti hanno esposto lo striscione a forma di assegno nella sala dei Duecento, dove si stava svolgendo il Consiglio comunale. Per qualche momento la seduta è stata interrotta e gli attivisti M5s hanno consegnato ai consiglieri una documentazione sul Tunnel Tav, quindi hanno lasciato l’aula.

5stelle, alfonso bonafede, blitz, matteo renzi, sottoatraversamento, Tav


Massimiliano Mantiloni

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080