Livorno, Nicola esonerato. È pronto Perotti

Davide Nicola esonerato dal Livorno
Davide Nicola esonerato dal Livorno

LIVORNO. La sconfitta contro il Parma  è costata cara a Davide Nicola che paga con l’esonero il quarto ko del Livorno sempre ultimo, anche se a pari merito con il Catania dopo la sconfitta di ieri degli etnei a Bergamo.

VERTICE E UFFICIALIZZAZIONE. L’ufficializzazione è arrivata oggi dopo un vertice fra i dirigenti amaranto e il presidente Spinelli che ieri non era allo stadio, in polemica dopo la contestazione ricevuta prima di Natale. Il numero uno amaranto  infatti ha dichiarato di vedere il tecnico in confusione e che quindi sarà necessario fare qualcosa. Lo stesso Spinelli è fortemente orientato verso la soluzione interna: intenderebbe promuovere Attilio Perotti, attuale direttore tecnico del club, che già due giorni fa rilevò la squadra, salvandola dalla retrocessione dalla B alla Lega Pro, subentrando al posto di Madonna.

ANCHE IL FRATELLO DI ZANETTI.  Fra le ipotesi di una soluzione interna ce n’era una piuttosto affascinante. L’attuale tecnico della Primavera amaranto è infatti Sergio Zanetti, fratello di Javier, autentico monumento dell’Inter e dell’Argentina. Ma non ha alcuna esperienza con i professionisti, quindi Perotti è nettamente il favorito: a breve dovrebbe arrivare l’ufficialità.

MA NON CI SONO SOLDI. Sembrano essere cadute le ipotesi di allenatori «esterni», anche perché lo stesso Spinelli ha dichiarato come manchino i soldi. In città era circolato addirittura il nome di Giovanni Trapattoni, ma l’ex Ct dell’Irlanda sembra da escludere. Qualora Spinelli si convincesse a mettere a libro paga qualche altro tecnico – ma sembra difficile – il ds Capozucca andrebbe su Mimmo Di Carlo.

IL PROBLEMA DEGLI STIPENDI: TUTTI LIBERI. A meno di clamorosi ribaltoni però sarà promosso Perotti, anche perché Spinelli pare avere pure altri tipi di problemi. «Entro il 16 febbraio – ha detto il massimo dirigente dei toscani – vanno trovati 3 milioni di euro per gli stipendi, altrimenti scatterà la penalizzazione. Chi vuole andare via verrà accontentato. Non rifiutiamo più nulla. Facciamo la rivoluzione, in uscita e in entrata, ma con un occhio al bilancio». Chiaro che in questa situazione, con la certezza che lo stesso Spinelli a giugno lascerà il club, la retrocessione pare lo scenario più tristemente probabile.

 

calcio, Livorno, Nicola, perotti


Massimiliano Mugnaini

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080