Skip to main content
Limonaia del Giardino di Boboli

Firenze, apre la Limonaia del Giardino di Boboli

Limonaia del Giardino di Boboli
Limonaia del Giardino di Boboli

FIRENZE – Apre al pubblico la Limonaia del Giardino di Boboli a Firenze per dieci mattine, da febbraio fino ad aprile.

Sarà visitabile tutti i mercoledì, dalle ore 10,00 alle 13,00, il 19 e 26 febbraio, il 5, 12, 19 e 26 marzo, il 2 e 9 aprile e i venerdì 4 e 11 aprile.

VISITA – I visitatori potranno ammirare una ricca varietà di piante: limoni, cedri, pompelmi, citrangoli, melangoli, chinotti, mandarini e limette, che ogni anno vengono collocate all’interno della limonaia, per poi essere dislocate nel giardino durante la primavera e l’estate.

Le piante sono tutte discendenti dalle cultivar medicee, con un notevole valore storico e botanico come l’arancio scannellato (Citrus aurantium Canaliculata), introdotto a Firenze da Francesco I e l’agrume «Bizzarria» (Citrus aurantium bizzarria), portato a Boboli da Ferdinando II.

L’ACCESSO – Per i residenti nel Comune di Firenze, l’accesso al giardino di Boboli è gratuito dagli ingressi di Annalena e di Porta Romana, con un documento d’identità da mostrare all’entrata.

Per i non residenti, nel costo del biglietto d’entrata al giardino è compreso l’accesso al Museo degli Argenti, la Galleria del Costume – con la mostra «Il cappello tra arte e stravaganza» – e il Giardino Bardini.

L’entrata alla Limonaia sarà consentita a fronte di un’offerta libera, che sarà raccolta dall’Associazione «Per Boboli», per la manutenzione e il restauro della collezione dei citrati della Limonaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741