Mondiali 2014: Italia-Costa Rica sarà decisa dalla sfida Balo-Campbell. Ma si teme ancora il caldo torrido

Balotelli e Chiellini
Balotelli e Chiellini

BRASILE – Buone notizie dall’allenamento mattutino dell’Italia. Sia De Rossi che De Sciglio sono scesi in campo insieme al gruppo per svolgere un lavoro, più leggero,agli ordini del ct. Anche Buffon era regolarmente con Sirigu e Perin ad allenarsi, insieme ai bambini di Mangaratiba che hanno incontrato gli azzurri. Il gruppo di alunni della scuola elementare locale, al quale si sono aggiunti i bambini di una scuola calcio, ha incontrato i giocatori dell’Italia nel ritiro. Prima una foto di gruppo con i giocatori poi una allegria contagiosa e un entusiasmo a dire il vero molto ordinato con un esito finale scontato: tutti i bambini attorno a Mario Balotelli, per autografi e selfie dei più grandi.  Balo qua e Balo là. In effetti, il risultato della partita di venerdì, alle 13 (le 18 ora italiana) con la Costa Rica  passerà ancora dai piedi e dalla testa di Balo. Sfidato dal centravanti costaricano Campbell, che dichiara di non temere il confronto. Cesare Prandelli teme il caldo, ma anche le voci di mercato che rischiano di deconcentrare gli azzurri. I giocatori giurano di non prestare attenzione, almeno per ora. 
Mario Balotelli nel corso dell’allenamento se la rideva, di gusto. È apparsa una sua foto con l’uniforme azzurra addosso e l’abbraccio di Giorgio Chiellini. L’immagine è stata scattata nella notte di Manaus, e testimonia l’umore di SuperMario, e di un gruppo che pare unito come non mai. Appena finita Inghilterra-Italia, il difensore della Juve si era avvicinato all’attaccante e, da buon toscano, ha mischiato frasi colorite con un sincero incitamento alla gioia e ha gridato: «E ridi!!!». Balotelli lo ha fatto, l’ha abbracciato, e ha spalancato un sorrisone.
L’affinità con gli juventini se non è nuova è di certo più evidente, se anche l’altra mattina SupeMario correva al fianco di Pirlo, Chiellini e Marchisio, con il quale due giorni fa s’è fatto fotografare, per poi trasferire  tutto su Instagram. Una nazionale si costruisce anche così, con l’armonia e l’affiatamento del gruppo.
Il caldo umido infine, che sarà un problema ancor più grave nei prossimi incontri. «Negli ultimi minuti della partita contro l’Inghilterra sembrava di avere le allucinazioni» ha detto Claudio Marchisio. L’autore del primo gol degli azzurri ai mondiali non era certo l’unico in campo ad essere stremato per la disidratazione causata dal caldo e dall’umido nell’Arena Amazonia di Manaus. Diversi giocatori hanno raccontato di «vederci doppio». E considerato che le prossime due partite dell’Italia saranno sempre in zona equatoriale, il problema non è secondario. E bisogna che ci si prepari adeguatamente, visto che la Costa Rica è più abituata di noi a questi climi, ma i tecnici, i medici e gli esperti della nostra nazionale sapranno trovare la giusta soluzione. 

Balotelli, chiellini, Costa Rica, Mondiali 2014


Paulo Soares

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080