Grosseto, grave un bimbo di Firenze travolto in bici da un capriolo

Principina 1

GROSSETO – Un bambino di Firenze, di 10 anni, in vacanza a Principjna a Mare è stato travolto da un capriolo che gli ha attraversato improvvisamente la strada mentre il ragazzo tornava dalla spiaggia in bicicletta. È successo poco prima delle 15 in via dello Squalo, una caratteristica strada di Principina in mezzo alla pineta, dove ci sono molte abitazioni.

Sul primo momento si è temuto il peggio perché ai primi soccorritori il bimbo è apparso immobile sull’asfalto, dove ha battuto la testa. Dal 118 è stato dato anche l’allarme all’elicottero Pegaso che ha sorvolato a lungo la zona, pronto a intervenire per trasportarlo probabilmente a Firenze se fosse datato necessario.

Principina 2
La bicicletta del bambino

Intanto i sanitari e infermieri del 118, prontamente intervenuti, sono riusciti a rianiamarlo e a stabilizzarlo. A chi era presente sul posto il ragazzino a un certo punto è parso cosciente. L’ambulanza è partita a sirene spiegate per l’ospedale di Grosseto. A bordo la mamma del bambino. A quanto si è appreso è grave ma non in pericolo di vita.

Dalle prime informazioni raccolte il ragazzo stava tranquillamente andando in bicicletta quando da una siepe alla sua destra, in mezzo ad alcune abitazioni, è spuntato improvvisamente un capriolo che gli ha tagliato la strada. Dall’altra parte della carreggiata c’era un furgone. Non si sa esattamente se il bimbo sia finito violentemente a terra nel tentativo di scansare capriolo e furgone oppure se sia stato lo stesso animale a colpirlo per primo. Il rischio che ha corso il giovane villeggiante è stato comunque davvero serio.

Sul posto i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Grosseto stanno effettuando i rilievi.

 

incidente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080