Lo sloveno in corsa per una maglia a centrocampo

Fiorentina: Kurtic vuole giocare contro il Genoa: «Quando ho visto la maglia viola mi sono messo a piangere»

di Massimiliano Mugnaini - - Sport

Mario Gomez

Mario Gomez vuole esordire al Franchi andando subito a segno

FIRENZE. Il campionato è di nuovo alle porte (domenica alle 15 la gara con il Genoa al Franchi), ma in casa Fiorentina è comunque ancora tempo di mercato. Vuoi perché la prossima settimana (anche se magari non lunedì come trapelato ieri) è previsto il primo appuntamento per l’atteso rinnovo del contratto di Cuadrado, vuoi perché in giornata c’è stata l’ennesima presentazione di un giocatore.

KURTIC. Stavolta è toccato a Jasmin Kurtic, uno dei diversi elementi ad essere sbarcato a Firenze nelle ultime ore della sessione estiva. Rispetto ai vari Badelj e Richards, Kurtic ha il vantaggio di conoscere già molto bene il campionato italiano avendo giocato con Sassuolo e Torino, appare tuttavia difficile che possa giocare titolare già domenica: era via con la sua Nazionale ed ha lavorato agli ordini di Montella solo per un paio di allenamenti.

LACRIME. Lo sloveno è comunque entusiasta di iniziare questa nuova avventura. «Sono arrivato in una grande società e la squadra gioca anche un buon calcio. Quando mi hanno preso mi sono messo a piangere per l’emozione. Mi fa enormemente piacere essere parte di questo progetto» le sue prime parole da giocatore viola che faranno sicuramente piacere ai tifosi.

FORMA. E anche se è di fatto appena arrivato, Kurtic si candida comunque per una maglia da titolare già contro il Genoa o più probabilmente giovedì quando al Franchi arriverà il Guingamp per la prima di Europa League («per me sarà una novità e sono già molto carico»), tant’è che dichiara: «A centrocampo mi sento pronto a giocare in ogni posizione, se dovrò scendere in campo lo farò senza problemi, la concorrenza non fa che stimolarmi. Anzi, la rosa lunga ci farà comodo in una stagione così densa di impegni».

ILICIC. Ad aiutarlo nell’inserimento in viola, ci ha già pensato il suo compagno nella Slovenia, Josip Ilicic. «Quando ho saputo che il trasferimento in viola si concretizzava ero con lui: ho voluto abbracciarlo perché è una grande persona e un grandissimo calciatore che mi aveva già parlato della Fiorentina. A proposito, fisicamente sta benissimo».

ATTACCO. Stando a Kurtic, il campanello d’allarme suonato venerdì quando Ilicic aveva abbandonato anzitempo l’allenamento quindi è rientrato: dovrebbe essere regolarmente titolare dietro l’inedito duo d’attacco Cuadrado-Gomez. Domani in conferenza stampa Montella potrebbe comunque chiarire qualche dubbio di formazione: neppure Aquilani sarebbe sicuro del posto in un centrocampo che finalmente ha molte alternative.

MATRI. Infine, le parole rilasciate oggi dall’ex Matri. Ci tengo molto a far bene ma non sarà facile contro la Fiorentina. «La squadra è forte e ben organizzata, grazie all’attenzione del suo allenatore. Chi temere in particolare? Tutti, ma se proprio devo fare dei nomi indico Borja Valero e Gomez» ha detto il nuovo attaccante del Genoa che probabilmente al Franchi sarà fischiato come per altro succedeva anche lo scorso anno.

 

Tag:, ,

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.