Caccia: l’UE diffida l’Italia sui richiami vivi. Dalla Toscana una mozione per sollecitare il governo a muoversi

Caccia-2FIRENZE – «Questa volta la Commissione europea è stata chiarissima con l’Italia: o sarà applicato lo stop definitivo alle catture di richiami vivi entro due mesi o ci sarà il processo in Corte di Giustizia». Lo sostiene il consigliere regionale toscana di Sinistra Ecologia e Libertà, Mauro Romanelli. Che annuncia il richiamo Ue al nostro Paese   sui richiami vivi per la caccia. Sull’argomento, Romanelli  ha presentato una mozione in cui invita la Regione ad intervenire sul Governo per l’immediata abolizione di ogni forma di utilizzo di richiami vivi nell’attività venatoria.

«Ora mi auguro che finalmente la Toscana – afferma Romanelli – dove col prezioso aiuto delle associazioni animaliste e ambientaliste, siamo almeno riusciti a bloccare l’odiosa tradizione delle leggine ad hoc incostituzionali, rimedi alle scelte sbagliate del passato e sia in prima fila nel chiedere al Governo di abolire questa pratica».

caccia, regione toscana, richiami vivi, romanelli


Rebecca Romoli

Giornalista
rebecca.romoli@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080