Accademia di Polizia: 50 anni ben portati

scuola_superiore_di_polizia_550-
il capo della Polizia  Alessandro Pansa in aula Parisi
il capo della Polizia Alessandro Pansa in aula Parisi

ROMA – Ha già mezzo secolo di vita, ma non lo dimostra affatto, l’Accademia del Corpo delle Guardie di Pubboica Sicurezza. Ieri è stata festa grande al quartiere Flaminio a Roma per un compleanno così importante.

Il benemerito Istituto nacque nel 1964 per volere dell’allora ministro dell’Interno, Paolo Emilio Taviani e del Capo della Polizia Angelo Vicari. Da esso sono usciti Ufficiali che, tra l’altro, hanno avuto la responsabilità di gestire le sorti dell’ordine e della sicurezza pubblica del Paese anche in momenti critici per la Nazione, come quelli del terrorismo e dell’eversione negli anni ’70 e ’80, arrivando purtroppo in qualche caso anche al sacrificio della vita.

Nel cortile si è riunita una nutrita rappresentanza dei 12 Corsi – oltre 350 invitati, arrivati da tutta Italia – che si sono succeduti nel periodo di funzionamento dell’Istituto, dal 1964 al 1979, frequentando in via Pier della Francesca i primi quattro anni del loro servizio in Polizia, due anni di Accademia e i successivi due anni di Applicazione.

La celebrazione ha vissuto due momenti particolarmente toccanti e carichi di significato: l’alzabandiera in forma solenne al cospetto del Medagliere della Polizia di Stato con l’intonazione del «Canto degli Italiani» e la visita al Sacrario dei Caduti per un doveroso omaggio alle Vittime del dovere.

Tanti gli ex Allievi presenti di cui molti di loro hanno lasciato il servizio attivo per limiti di età, arrivati ai vertici di polizia e magistratura, ma anche della avvocatura, della giustizia amministrativa e del mondo delle Istituzioni. Dalla Toscana molti nomi noti, ai vertici di prefetture e questure: Francesco Tagliente, Claudio Capuano, Raffaele Micillo, Filippo Cerulo, Michele Laratta, Maurizio Piccolotti, Enrico Moja. Ma anche Compartimenti di Polizia Stradale in anni più o meno recenti: Paolo Cossu, Maurizio Di Marzio, Roberto Gabrieli, Sergio Tinti, Michele La Fortezza, Maurizio Gelich. C’erano anche gli attuali Dirigenti dei Compartimenti Polfer Toscana e dell’8° Reparto Mobile di Firenze, rispettivamente Antonio Matteo e Antonio De Pascale.

Una piacevole occasione di incontro in cui a porgere il saluto al Capo della Polizia Alessandro Pansa, intervenuto alla cerimonia in rappresentanza del Dipartimento della P.S., ci ha pensato Carlo Mosca, già prefetto di Roma oggi Consigliere di Stato, nella veste di Capo-corso del I Corso dell’Accademia. Nella sua appassionata relazione, accompagnata da un video con immagini del tempo, Mosca ha rievocato i cinquanta anni di vissuto dell’Accademia, una Istituzione che continua a preparare oggi i dirigenti della Polizia di Stato italiana sotto la denominazione di Scuola Superiore di Polizia.

 

 

 

polizia di stato


Sergio Tinti

già Comandante Polizia Stradale della Toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080