Riforme: governo battuto in commissione alla Camera (con i voti della minoranza Pd) sui senatori di nomina presidenziale

Dalla Camera via libera alla riforma delle Province
Dalla Camera via libera alla riforma delle Province
La Camera dei Deputati

ROMA – Il governo è stato battuto alla Camera in commissione Affari costituzionali per 22 a 20: hanno votato si i rappresentanti di Sel, Movimento 5 stelle, Lega, ma anche qualche deputato della minoranza Pd. Maurizio Bianconi di Forza Italia, si è astenuto. La maggioranza è quindi stata sconfitta due volte sul voto di 2 emendamenti al ddl riforme di contenuto quasi identico, uno presentato da Sel e l’altro dalla minoranza Pd, che eliminano dall’attuale testo del ddl i 5 senatori di nomina presidenziale che rimangono in carica per 7 anni. Dunque, di fatto, con l’approvazione di questi due emendamenti il Senato sarà composto solo da 100 senatori eletti nei consigli regionali e non ci saranno più, invece, i 5 senatori di nomina presidenziale.

Questo incidente, che come ha detto subito il Ministro Boschi può essere rimediato nella discussione in aula, ripropone il dissidio, tutto interno al Pd,  fra renziani e minoranza dem. Non si sa a quali conseguenze questa contrapposizione potrà portarci, ma è significativo il tweet del renziano Roberto Giachetti, esponente democratico e vicepresidente della Camera: «I frammenti di minoranza finalmente si uniscono. Obiettivo impallinare il governo. Con amici così a che servono i nemici? Elezioni subito». 

E’ un sintomo,  sia pur non decisivo, di un orientamento che forse comincia a insinuarsi anche in seno alla formazione del premier, che finora si è sempre dichiarato contrario a una fine anticipata della legislatura.

Camera dei deputati, Minoranza Pd, Montecitorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080