Skip to main content

Liberalizzazioni: il flop di quelle passate. Le tariffe delle assicurazioni auto +189,3% dal 1994 ad oggi

medicinal
medicinali

ROMA – Il Governo esulta per l’approvazione del decreto sulla concorrenza, ma i precedenti non sono esaltanti. In passato l’obiettivo delle liberalizzazioni di favorire i consumatori non è stato raggiunto. È quanto sostiene la Cgia di Mestre, che denuncia come, “ad eccezione di quelli dei medicinali e della telefonia, nei settori che negli ultimi 20 anni sono stati interessati dal processo di apertura alla concorrenza, i prezzi e le tariffe sono aumentati in misura maggiore dell’inflazione”.

ASSICURAZIONI – La situazione più “clamorosa”, continua la Cgia, è quella che si è verificata nel campo della assicurazioni dei mezzi di trasporto: dal 1994 a oggi le tariffe sono aumentate del 189,3%, a fronte di un incremento dell’inflazione del 50,1%. “In questi vent’anni – dice l’associazione – le assicurazioni sono aumentate 3,8 volte in più del costo della vita”.

BANCHE E FINANZA – Altrettanto preoccupante, continua la Cgia, è il quadro emerso dall’analisi dei servizi bancari e finanziari. Sempre dal 1994 al 2014, le tariffe sono cresciute del 115,6%, mentre l’inflazione del 50,1%. “Ciò vuol dire – spiega l’associazione – che le prime sono aumentate 2,3 volte in più rispetto alla seconda”.

AEREI – Anche i trasporti aerei, secondo le stime della Cgia, hanno fatto segnare un incremento dei prezzi molto consistente: tra il 1997 ed il 2014 sono aumentati del 71,7%. Nello stesso periodo, il costo della vita è salito del 41,5%.

AUTOSTRADE – I pedaggi autostradali, invece, sono stati interessati dalle liberalizzazioni a partire dal 1999: in questi ultimi 15 anni le tariffe sono mediamente cresciute del 69,9%, mentre l’inflazione del 36,5%.

FERROVIE – Dal 2000, anche il settore del trasporto ferroviario è stato aperto alle aziende private. Secondo la Cgia, i prezzi dei biglietti sono aumentati mediamente del 58,3%, a fronte di un incremento dell’inflazione del 33,1%.

GAS – A partire dal 2003, anno in cui ebbe inizio il processo di liberalizzazione, il settore del gas ha subito un ritocco all’insù del prezzo medio del 43,2%: l’inflazione, invece, è salita del 23,1%.

POSTE – I servizi postali, liberalizzati a partire dal 1999, hanno fatto registrare un incremento delle tariffe del 40,4%, mentre il costo della vita è salito del 36,5%.

BUS – Sul fronte dei trasporti urbani, che hanno conosciuto l’apertura del settore alle aziende private nel 2009, in appena cinque anni l’aumento medio dei biglietti è stato del 27,3%, ma la dinamica dei prezzi è cresciuta del 9%.

ELETTRICITÀ – L’ energia elettrica, infine, è l’ultimo settore dove il costo della vita è cresciuto meno dell’incremento della tariffa. Dal 2007 ad oggi, i prezzi sono saliti del 13,6%, mentre le bollette elettriche del 21%.

TELEFONIA E MEDICINALI – Le uniche note positive, sostiene la Cgia, sono quelle rilevate nei settori della telefonia (-23%) e dei medicinali (-12,1%), con l’inflazione che è aumentata rispettivamente del 38,8% e del 50,1%.

Vedremo se le liberalizzazioni di Renzi avranno effetto più positivo di quelle di Bersani e di altri ministri, ma i precedenti non sono, onestamente, molto incoraggianti.

inflazione, liberalizzazioni, prezzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741