Anche Pisa e Lucca potrebbero essere parzialmente coinvolte dalla nuova emergenza

Allerta meteo: vento forte giovedì 12 marzo a Firenze, Prato, Arezzo, Siena e Grosseto. Con raffiche a 80 km l’ora

di Domenico Coviello - - Cronaca, Primo piano

Stampa Stampa
Bollettino meteo della Regione, in giallo l'allerta vento forte per il 12 marzo

Bollettino meteo della Regione, in giallo l’allerta vento forte per il 12 marzo

FIRENZE – A una settimana esatta dalla tempesta di vento dello scorso 5 marzo – i cui effetti sono stati paragonati a quelli di un uragano – che ha provocato devastazioni del territorio in tutta la Toscana per centinaia di milioni di euro di danni, torna l’allarme vento. La Protezione civile del Comune di Firenze ha emesso infatti un avviso di criticità per la giornata domani, giovedì 12 marzo, per la presenza di vento forte. Attenzione dunque a raffiche di 60-80 chilometri orari, annuncia Palazzo Vecchio in una nota: saranno possibili cadute di oggetti, tegole dai tetti, rami di alberi e altro.

Ma lo stato di criticità, sebbene non paragonabile a quello relativo alla tempesta del 5 marzo, quando il vento ha raggiunto punte di 160 e, in Lunigiana, anche 200 chilometri orari, riguarda per la giornata di domani anche altre zone della Toscana, oltre a Firenze.

Secondo la cartina metereologica del bollettino della Regione, saranno coinvolte dal primo livello di allerta, quello appunto di «vento forte», le province di Firenze, Prato, Arezzo, Siena e Grosseto. In parte anche quelle di Pisa e Lucca. E inoltre le isole dell’Arcipelago, a cominciare dall’Elba. In tutte queste zone saranno possibili, si spiega, «fenomeni occasionalmente e localmente pericolosi», che però non dovrebbero comportare «danni e disagi diffusi».

Versilia, alberi abbattuti dopo l'uragano del 5 marzo

Versilia, alberi abbattuti dopo l’uragano del 5 marzo

In ogni caso è bene prestare attenzione e prepararsi: è troppo vicino e troppo forte l’effetto della tempesta-uragano del 5 marzo. E ancora non c’è una stima definitiva dei danni, dopo l’incontro che il ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, ha avuto a Firenze lunedì scorso con il governatore Enrico Rossi e con i rappresentanti dei florovivaisti toscani per fare il punto della situazione.

Come se non bastasse oggi è deceduto un operaio di una ditta, ferito durante l’uragano della scorsa settimana, dopo che era stato ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale di Lucca. L’uomo, 48 anni, di origine marocchina, era stato travolto dal tetto di un capannone presso cui stava lavorando divelto dal forte vento, nei pressi di Barga. Sale così a 4 il numero delle vittime in Italia a causa del maltempo degli scorsi giorni, due delle quali nella sola provincia di Lucca, zona particolarmente colpita dall’uragano.

Toscana, innumerevoli gli alberi crollati a causa della tempesta di vento

Toscana, sono migliaia gli alberi crollati a causa della tempesta di vento

A Pietrasanta, intanto, resteranno ancora chiuse almeno fino a venerdì 13 marzo alcune scuole. E da Firenze arriva almeno una notizia positiva per la costa viareggina. Il conto corrente «Contributi per il parco La Versiliana», intestato alla Regione Toscana, è da oggi attivo per tutti coloro che vogliono sostenere il recupero del parco, particolarmente colpito dagli effetti della tempesta della scorsa settimana. Questo il codice Iban: IT 80L0103002818000000434331.

Infine, in una nota, l’Enel fa sapere di aver ripristinato ormai la quasi totalità delle utenze danneggiate, ma mantiene attiva la task force principalmente sulle colline di Pistoia e in Versilia. Complessivamente sono stati oltre 4 mila gli interventi effettuati in questi giorni, circa 700 i cantieri allestiti su più di 500 linee di media tensione e migliaia gli interventi singoli su linee di bassa tensione.

 

Tag:, ,

Domenico Coviello

Domenico Coviello

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.