Skip to main content

Firenze, Ferragosto 2015: la piscina di Bellariva riapre dopo la devastazione del nubifragio

L'ingresso della Piscina di Bellariva a Firenze dopo il nubifragio del 1 agosto
L’ingresso della Piscina di Bellariva a Firenze dopo il nubifragio del 1 agosto

FIRENZE – A tempo di record, come promesso, riapre da oggi, giorno di Ferragosto, la piscina comunale «Goffredo Nannini» a Bellariva, dopo i gravissimi danni del nubifragio dello scorso 1 agosto, documentati da FirenzePost.

Per il momento la riapertura è soltanto parziale: «Si potrà nuotare solo nella vasca grande, quella da 50 metri – spiegano dalla piscina -: più che riparati i danni, al momento siamo riusciti a rimuovere alberi, detriti e macerie per consentire almeno questa parziale ripartenza dell’attività».

Oggi, sabato 15 agosto, e domani 16 agosto, prezzo speciale per i fiorentini che, rimasti in città per il fine settimana di Ferragosto, vorranno farsi un tuffo in vasca e rinfrescarsi un po’: l’ingresso costerà 5 euro a persona durante tutto l’orario di apertura: dalle 10 del mattino alle 19 (info: 055-6266007).

Piscina di Bellariva, i danni del nubifragio del 1 agosto alla vasca piccola
Piscina di Bellariva, i danni del nubifragio del 1 agosto alla vasca piccola

Lo scorso 1 agosto, esattamente due settimane fa, un violento nubifragio colpì molto duramente Firenze e in particolare la zona di Bellariva, del lungarno Aldo Moro dove ha sede la piscina Nannini, dell’Albereta e dell’Anconella, dall’altra parte dell’Arno. A caldo, ma la stima è provvisoria, sono stati calcolati da Palazzo Vecchio un minimo di 20 milioni di euro di danni in città: alberi, soprattutto i pini di Bellariva e del lungarno, sradicati e abbattuti, tetti scoperchiati, le strutture metalliche volate via.

Anche e soprattutto la piscina di Bellariva fu colta in pieno dalla bomba d’acqua, grandine e vento: la vasca piccola, in particolare, a causa del soffitto distrutto dagli alberi caduti, rischia di restare impraticabile ancora a lungo. Il parco, ridotto a un cumulo di tronchi abbattuti, rami spezzati e rovi, è in via di ripristino. Tanti i fiorentini volontari che, memori della storica prima piscina pubblica di Firenze, sorta a fine anni ’50, stanno dando una mano: soci, genitori, familiari e amici dei giovani iscritti alla Florentia Nuoto Club, la società che insieme alla Rari Nantes gestisce la piscina.


Domenico Coviello

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741