Skip to main content

Ocse: promosse le riforme di Renzi e prevede una crescita del pil dell’1,4%

Riunione Ocse
Riunione Ocse

PARIGI – «Le significative riforme» stanno spingendo la crescita in Italia. Lo scrive l’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) nell’Economic Outlook semestrale, dove prevede un rafforzamento della ripresa con un Pil in aumento dell’1,4% sia nel 2016 sia nel 2017 da +0,8% nel 2015. Il Jobs Act e le misure sull’esenzione dei contributi per i neo-assunti «stanno spingendo la svolta del mercato del lavoro», con un calo della disoccupazione dal 12,3% stimato per quest’anno (da 12,7% stimato a giugno) all’11,7% (da 12,1%) nel 2016 e all’11% del 2017. Per una crescita più forte e inclusiva occorre che l’Italia sposti «in modo permanente il carico fiscale dal lavoro ai consumi e all’immobiliare».

LAVORO – «In particolare il “Jobs Act” ha portato a un «considerevole incremento dei contratti a tempo indeterminato e allargato la rete di sicurezza sociale, rendendo la crescita più inclusiva». Proprio per questo, avverte l’organizzazione di Parigi, occorre rendere permanenti gli sgravi fiscali per i neoassunti, «spostando il carico fiscale dal lavoro ai consumi e al mercato immobiliare. Sono necessarie ulteriori iniziative per chiudere i “gender gap” incoraggiando la partecipazione della forza lavoro femminile e per abbassare la disoccupazione giovanile, che resta elevata».

CONSUMI – Il miglioramento spingerà i consumi, attesi in progresso di +0,7% quest’anno, +1,4% e +1,2% nei due successivi. Anche le riforme recentemente approvate su fallimenti, sistema scolastico, concorrenza e pubblica amministrazione «rafforzeranno la crescita». Tuttavia, ammonisce l’Organizzazione, il credito bancario continua ad essere frenato dall’elevato e crescente numero di crediti deteriorati, il che ostacola gli investimenti. La costituzione di una società di asset management specializzata che acquisisca i crediti deteriorati «potrebbe contribuire in modo rilevante alla ripresa degli investimenti», ma i progressi su questo fronte sono incerti in considerazione della necessità di rispettare le regole Ue sugli aiuti di Stato.

crescita, ocse, riforme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741