Skip to main content

Parlamento europeo: per la Presidenza in lizza due italiani, è la prima volta

Il 17 gennaio a Strasburgo si eleggerà il successore di Martin Schulz alla Presidenza dell’Europarlamento. I numeri sono incerti e per questo i candidati sono impegnati in una campagna di convincimento porta a porta. La sfida fra popolari e socialisti si è trasformata in un derby tutto italiano tra Antonio Tajani e Gianni Pittella ed è verosimilmente destinata a risolversi al fotofinish.

Occorrono 376 voti per essere eletti, la metà più uno dei parlamentari, ma nessuno sembra essere in grado di ottenere nelle prime votazioni così tanti consensi. I giochi si faranno a partire dal quarto scrutinio quando, in base al regolamento, resteranno in gioco solo i due candidati con il maggior numero di preferenze, che dovrebbero essere proprio i due italiani.

I popolari puntano su un accordo con i conservatori del gruppo Ecr, che porterebbero in dote un pacchetto di 74 voti; con i loro 216, li porterebbe a quota 290. Parallelamente, i socialisti sperano nell’appoggio di sinistra unitaria e verdi. Se tutti si schierassero per Pittella, sarebbero 102 voti da sommare ai loro 189: totale 291. Quindi parità quasi perfetta, ma ancora nessun vincitore.

A questo punto potrebbero diventare decisivi i voti della destra, lepenisti e Lega, una trentina di voti che in campo socialista considerano già a favore di Tajani, ma soprattutto i voti liberali, che in parlamento sono il quarto gruppo con 68 eurodeputati. La loro scelta potrebbe far pendere decisamente il piatto della bilancia da una parte o dall’altra. Un’altra settimana e sapremo chi si accomoderà sulla poltrona più alta dell’Europarlamento. Ma comunque vada siamo sicuri che parlerà italiano.


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741