Il messaggio del Presidente agli associati

Firenze, commercio: il presidente Confesercenti Nico Gronchi invita alla fiducia, proviamo a ripartire

di Martina Venni - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

Nico-Gronchi

FIRENZE – In un contesto economico difficile in Toscana si vedono però segnali di ripresa, anche grazie al sostegno delle istituzioni. Perciò il Presidente di Confesercenti, Nico Gronchi, ci incita ad accogliere le sfide e a ripartire.

«Inizia un nuovo anno ed è tempo di bilanci certo, ma mai come adesso è tempo di sfide; a Firenze e in Toscana viviamo tutto sommato in un contesto in cui il bilancio è abbondantemente positivo, ma il clima di incertezza in cui ci muoviamo ci porterà ad affrontare scelte e percorsi per i quali nessuno di noi sa se sarà preparato fino in fondo.

Incertezze sulle infrastrutture, dall’aeroporto, al sistema fieristico e congressuale, passando per i cantieri della Tramvia (i cui lavori però procedono bene); incertezze su una ripresa lenta e troppo debole perché se ne possano sentire realmente i benefici; incertezze su un sistema bancario in profonda trasformazione, che se da un lato ha un sistema di grandi banche che vacilla, dall’altro ha Banche locali che investono sulla crescita della nostra Regione e del territorio della Città Metropolitana in primis.

Rimangono poi forti preoccupazioni sul fronte internazionale, che in particolare a causa della paura diffusa del terrorismo, modifica repentinamente i flussi turistici e le destinazioni creando ulteriore difficoltà alle decine di migliaia di imprese che operano nel settore.

Il prima o il dopo Referendum, Governi tecnici o politici, elezioni a primavera o dopo l’estate, ecc. ecc. La sostanza è che il Paese e le imprese vivono in una costante incertezza e l’instabilità politica e un clima da campagna elettorale permanente, non aiutano certo l’economia e la tranquillità delle famiglie italiane.

Le nostre imprese infatti, non hanno ancora superato il periodo di crisi: pressione fiscale, debole ripresa dei consumi e forti incertezze internazionali sono solo alcune delle cause del perdurare di questa situazione negativa ma il segnale più preoccupante arriva dalla mancata ripartenza della spesa collegata agli investimenti.

In un contesto di difficoltà generale quindi, la sfida per il 2017 deve essere rappresentata dallo spostamento dagli strumenti anticrisi agli strumenti utili a far ripartire gli investimenti e per farlo occorrono incentivi e misure ad hoc; il messaggio arriva forte e chiaro dalla Legge di Stabilità, che su un totale di 27 mld ne ha impiegati 15 per bloccare l’aumento dell’Iva e gli altri 12 per misure dedicate agli investimenti.

A questo dobbiamo aggiungere gli interventi della Regione Toscana, che tra mille difficoltà di bilancio, scommette anch’essa sugli strumenti di investimento per le Imprese come i Bandi per l’innovazione, il Microcredito, i Fondi Rotativi, ecc.

Il messaggio è che le Istituzioni ci credono e ci chiedono di rimboccarci le maniche per provare a guardare al futuro delle nostre imprese creando le condizioni per tornare ad investire. E’ giusto che sia così ma a Firenze, in Toscana e nell’intero Paese, prevale ancora un clima di forte sfiducia e di una difficoltà diffusa che sta investendo fasce di popolazione finora non toccate dai problemi di questi 7/8 anni di crisi.

E’ davvero difficile immaginare il futuro in anni come questi, ma una cosa è certa, rappresentiamo un sistema di imprese che ormai ha ampiamente dimostrato di avere gli anticorpi per resistere e per provare a ripartire e sono convinto che il nostro contributo resterà determinante anche grazie ad una Associazione come Confesercenti che sta compiendo un salto di qualità davvero straordinario per stare al fianco delle imprese fiorentine e non solo.

Stiamo attraversando cambiamenti epocali e l’impresa diffusa sta cercando con grandi sforzi di attrezzarsi: innovazione tecnologica, e-commerce, globalizzazione e grandi player internazionali, tutto molto bello e luccicante ma intanto stabiliamo la vera differenza: noi le tasse le paghiamo in Italia, quel poco o tanto che guadagniamo lo reinvestiamo o lo spendiamo nel territorio, assumiamo e creiamo economia esattamente dove abbiamo le nostre attività ma soprattutto abbiamo un legame vero e profondo con i nostri territori, le nostre città, le nostre piazze.

Queste sono le imprese che Confesercenti rappresenta, queste sono le imprese che hanno fatto la storia di Firenze e della Toscana, queste sono le imprese che una Associazione come la nostra deve sostenere e aiutare a crescere.

L’intero Paese ripartirà quando le imprese torneranno ad investire e per fare questo è necessario l’intervento delle Istituzioni, delle Banche, delle Associazioni ecc. che hanno il compito di fornire gli strumenti affinché questo accada, ma tocca a noi essere interpreti dei bisogni veri delle imprese e dei territori e a questo compito non possiamo ne vogliamo rinunciare».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.