Skip to main content

Abbonamenti ferroviari AV: NTv, Italo Treno, non li prevede, sono antieconomici

ROMA – Dopo le polemiche che hanno investito Fs per il rincaro, poi ridotto, degli abbonamenti per i pendolari dell’Alta velocità, la società concorrente, NTV (Nuovo trasporto viaggiatori), spiega perché suo suoi treni Italo non è possibile concedere gli abbonamenti.

«Ribadisco quanto già detto lo scorso novembre in un’altra audizione: non abbiamo attivato il sistema di pendolarismo perchè la situazione di bilancio non consentiva di avere passeggeri a un prezzo non remunerativo». Così il presidente di NTV, Andrea Faragalli Zenobi, nel corso di un’audizione davanti alla Commissione Lavori pubblici del Senato in merito alla questione degli abbonamenti dei collegamenti ferroviari ad Alta Velocità. «Con soli 25 treni Italo del resto era impossibile accettare biglietti a un costo più basso di quello di mercato», ha aggiunto Zenobi evidenziando anche che NTV (Nuovo Trasporto Viaggiatori) ha un ridotto livello di frequenze e che il quadro che regola l’Alta Velocità ha ancora dei punti fondamentali non chiari, addirittura che possono riguardare la retroattività di alcuni impegni economici. «Del resto, da quando operiamo noi – ha sottolineato il Presidente di NTV – il traffico ferroviario è aumentato del 50 per cento e il costo dei biglietti è sceso del 40 per cento. Quindi un beneficio alla collettività l’abbiamo portato. Da novembre 2017 aumenteremo la flotta del 50 per cento: ci saranno treni in più che cominceranno a entrare in attività da novembre ed entro il 2018 ne avremo 12 in più e a quel punto NTV sarà disponibile a lavorare anche sulla problematica del pendolarismo», ha infine chiarito Zenobi.

AV, Italo, Ntv, pendolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741