L'analisi di Cna toscana

Fisco, Toscana: Firenze, Grosseto e Livorno superano la media (61,2%) del total tax rate

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

ROMA – In Toscana 3 capoluoghi di provincia superano la media nazionale del total tax rate, il peso complessivo del fisco, su Pmi e imprese artigiane, che a livello nazionale è salito al 61,2% (+0,3%): secondo i calcoli dell’Osservatorio di Cna, a Firenze (terza in Italia) la pressione nel 2017 sarà del 69,3%; a Grosseto del 65,1%; a Livorno del 61,6%.

Tra Firenze e Arezzo, che ha la tassazione più bassa in Toscana (55,9%), la differenza è di 13,4 punti. Questi i dati per gli altri capoluoghi: Pisa 61,2%, Siena 60,7%, Lucca e Pistoia 59,4%, Prato 58,9%, Carrara 58,1%, Massa 57,8%. «E’ necessario ridurre in maniera incisiva la tassazione su artigianato e Pmi – sostiene il direttore di Cna Toscana Saverio Paolieri – e semplificare, sia a livello centrale sia a livello locale, gli adempimenti che determinano costi indiretti sulle imprese e ne diminuiscono la produttività. Solo così si può restituire fiato e competitività al nostro sistema economico».

Per quanto riguarda Firenze, il Tax Free day (il giorno dell”anno in cui le attività smettono di lavorare per pagare le tasse e iniziano a produrre reddito) nel 2017 sarà posticipato di due giorni rispetto al 2016, e sarà il 9 settembre (esattamente come per Roma). Questo vuol dire, secondo Cna, che nel 2017, su un totale di 365 giorni, ne occorreranno 253 per pagare i tributi complessivamente intesi e rimarranno solo 112 giorni per consumi personali e investimenti.

«I dati parlano chiaro – commenta Franco Vichi, direttore generale di Cna Firenze – il livello di tassazione che sono costrette a sopportare le nostre imprese è peggiorato rispetto all’anno scorso. E’ un problema non più rinviabile che limita la crescita e gli investimenti delle attività. Da sempre chiediamo la riduzione della spesa delle Pubbliche Amministrazioni, regionali e locali. Per questo sosteniamo con forza la fusione dei comuni per limitare tutti quei costi indiretti che poi vengono sostenuti dai nostri imprenditori».

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.