Skip to main content

Turismo: le città d’arte scoppiano (anche Firenze). Patto alla Bto per gestire l’invasione

FIRENZE – Miglior governo dei flussi puntando sul turismo sostenibile, condivisione delle buone pratiche per migliorare le città, unione di forze per fare sistema: questi i punti fondamentali del protocollo d’intesa sulle attività del network delle Grandi destinazioni italiane per un turismo sostenibile, sottoscritto oggi alla fiera del turismo online Bto dagli assessori al turismo delle città di Firenze, Napoli, Milano, Venezia, e Roma. L’intesa prevede l’avvio sperimentale di un intervento normativo (di carattere nazionale) volto all’istituzione di un registro cittadino per le locazioni turistiche, e la previsione dell’obbligo per gli intermediari immobiliari (anche operanti su piattaforme online) di lavorare solo con gli immobili che risultano regolarmente inseriti in tali registri.

Altrettanto importante, secondo le cinque città d”arte, è il riconoscimento della natura turistico-ricettiva delle locazioni brevi svolte nei contesti urbani. Le cinque città, insieme al Mibact, stanno lavorando anche a progetti comuni per gestire i flussi turistici con sistemi di raccolta, monitoraggio e gestione dei dati in tempo reale per informare il viaggiatore in tempo reale sui luoghi più affollati, consigliandone altri.

città d'arte, Firenze, Turismo


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741