Skip to main content

Pensioni: il Fondo Monetario Internazionale propone di abolire la quattrodicesima

PARIGI – Eliminare la quattordicesima rata della pensione, ridurre la tredicesima, ricalcolare l’importo delle pensioni retributive: sono alcune proposte avanzate da un working paper del Fondo Monetario Internazionale per tagliare la spesa pensionistica italiana, individuata al 16% del PIL e definita fra le più alte d’Europa. Si tratta, è bene sottolinearlo, di valutazioni economiche e non di una posizione ufficiale nei confronti dell’Italia, men che meno di una proposta di intervento concreta.

Quindi, i pensionati italiani che percepiscono la quattordicesima possono stare tranquilli: non sono in corso modifiche all’attuale normativa, che riconosce la somma aggiuntiva ai titolari di pensione di almeno 64 anni con un reddito fino a due volte il minimo (13mila 049,14 euro). La platea è stata recentemente allargata dalla Legge di Stabilità 2017, prima erano ammessi i trattamenti fino a 1,5 volte il minimo.

La proposta di abolizione della quattordicesima prevede che il trattamento sia sostituito da interventi contro la povertà (come il REI, ossia il reddito di inclusione). E riguarda anche la tredicesima, che andrebbe invece ridotta. Ribadiamo: è solo una valutazione di natura economica, che mira a rendere più solido il sistema previdenziale riducendo la spesa. I pensionati continueranno dunque ad incassare la mensilità aggiuntiva, che si calcola in base allo scaglione di reddito di appartenenza.

Altra considerazione che si può fare rispetto alle proposte del FMI: si tratta di misure che, nel caso in cui venissero effettivamente attuate, sarebbero immediatamente impugnabili da parte degli attuali pensionati.

Vediamo con precisione quali sono i consigli forniti sul sistema previdenziale italiano, oltre alle sopra riportate misure di tredicesima e quattordicesima.

Ricalcolo pensioni retributive: ricalcolo, meno generoso, dell’importo dell’assegno previdenziale per coloro che hanno in tutto o in parte la pensione liquidata con il retributivo.
Stretta pensioni di reversibilità: la spesa è troppo alta, la proposta è quella di fissare un’età minima per il coniuge vedovo e di escludere altri familiari.
Aumento aliquota autonomi: portare l’aliquota previdenziale dei lavoratori autonomi almeno al 27%, rispetto all’attuale 24%, per avvicinarla a quella dei lavoratori dipendenti, che pagano il 33%.

Ma per fortuna non sono le istituzioni internazionali, ignare della nostra situazione reale, che possono decidere. I loro consigli verranno apprezzati tanto quanto le proposte politiche innovative del bocconiano presidente prof. Boeri, cioè zero via zero.

eliminare, fmi, pensioni, quattordicesima, ridiuzione, tredicesima


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741