Toscana: Enrico Rossi parla di sicurezza e propone che lo Stato assuma 20.000 agenti

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

FIRENZE – Il Governatore Enrico Rossi, diventato improvvisamente loquace quant’altri mai, si avventura anche a parlare del tema sicurezza, un argomento per il quale è particolarmente sensibile, purché non siano accusati i migranti di essere la causa del diffuso sentimento d’insicurezza presente anche fra la popolazione toscana.

Dice Rossi giustamente: «Il tema della sicurezza non è di destra o di sinistra, perché lo Stato deve garantirla. E questo lo si fa garantendo una presenza costante delle forze dell’ordine nelle strade, nei quartieri, e sui mezzi di trasporto. Ventimila persone, che allo Stato costerebbero circa 500 milioni, solo in Toscana garantirebbero 1400 agenti in più. Se facessimo così i cittadini si sentirebbero subito più sicuri. A volte mi domando perché non si faccia una cosa del genere – ha aggiunto Rossi – . Non vorrei che questo non venisse fatto per continuare a speculare sulla
paura e la sicurezza, magari trovando qualche capro espiatorio».

Non credo che quest’ultima valutazione sia fondata, ma ritengo invece che il Presidente Rossi cerchi, a giusta ragione, di poter contribuire anche con i mezzi a disposizione della regione, a migliorare l’azione di tutela dei cittadini, tanto più che la regione Toscana tradizionalmente, fin dall’inizio (ricordo le affermazioni del Presidente PCI Bartolini, anni 1980), si è sempre posta in rapporto collaborativo con le Autorità dello Stato, e mai in contrapposizione, come qualche altra regione.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.