Skip to main content

Catania: su nave Diciotti come in crociera, il comandante smentisce allarmi e disagi

La nave Diciotti della Guardia Costiera italiana

CATANIA – In un’intervista a Huffington Post il comandante di Nave Diciotti smentisce i profeti di sventura, affermando che i migranti stanno benissimo, non ci sono bambini, quelli che erano in precarie condizioni sono stati tutti curati, a bordo tutti hanno avuto cibo a sufficienza, insomma una specie di paradiso che smentisce tutte le affermazioni dei vari intellettuali, associazioni, partiti.

Dice Massimo Koitmer, comandante della nave più famosa della Guardia costiera: «Le condizioni sono più che soddisfacenti, tant’è che ci è stata concessa la cosiddetta
libera pratica sanitaria. Fortunatamente non c’erano bambini a bordo, come invece ho visto scritto, perché i bambini sono stati evacuati nelle acque di Lampedusa e portati a terra.
I controlli sanitari sono stati positivi e soddisfacenti e i minori che abbiamo invece sbarcato mercoledì in tarda serata, 25 ragazzi e due ragazze, sono stati immediatamente
presi in carico dall”organizzazione di assistenza a terra. Da un punto di vista della tutela sanitaria è vero che in tutti questi tipi di interventi si registrano casi di scabbia, ma a bordo i
medici di Cisom somministrano specifici farmaci e pomate. La situazione è monitorata, quindi, e non desta al momento alcun tipo di preoccupazione. Dal momento in cui sono
saliti a bordo abbiamo erogato un protocollo nutrizionale approvato che prevede la somministrazione di tre o quattro pasti al giorno. Alla fine siamo arrivati al punto, per motivi
organizzativi, che noi dell”equipaggio abbiamo omologato la nostra alimentazione con quella dei migranti». Alla domanda se i migranti abbiamo la sensazione di essere sequestrati, il comandante risponde che «abbiamo spiegato loro che la vicenda è legata anche a una situazione politica di tipo internazionale che avrebbe comportato anche una più lunga permanenza a bordo. A me hanno restituito la sensazione di totale comprensione. E fino ad oggi si sono comportati splendidamente».

Scopriamo dunque che i migranti non si sentono sequestrati, godono di ottima salute, sono trattati con i guanti bianchi, tanto che vengono loro graziosamente offerti, a spese dello Stato italiano, e quindi di tutti noi, quattro pasti al giorno, cosa che la maggior parte degli italiani si sogna, altro che sequestrati dal Governo.

Comandante, Diciotti, migranti, Saviano


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741