Molti dubbi anche sulla competenza

Palermo: atti inchiesta Salvini già mercoledì al Tribunale dei ministri

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

PALERMO – Potrebbero essere trasmessi già mercoledì prossimo alla Procura di Palermo gli atti dell’inchiesta aperta dai pm di Agrigento a carico del ministro dell”Interno Matteo Salvini e del capo di Gabinetto del Viminale Matteo Piantedosi, indagati per sequestro di persona, abuso d’ufficio e arresto illegale. Un epilogo nell’indagine sul caso Diciotti arrivato nella serata di ieri con la nota dei magistrati che comunicava il trasferimento del fascicolo al tribunale dei ministri di Palermo.
Saranno però i pm del capoluogo, dopo aver ricevuto le carte dai colleghi agrigentini, a girare la questione al tribunale competente per i reati contestati ad esponenti del governo. Il collegio, che dovrà decidere se trattenere per giorni a bordo della nave i migranti soccorsi dalla Guardia Costiera
abbia o meno violato la legge, è composto da tre giudici e tre supplenti. I magistrati titolari, estratti a sorte, sono i gip Fabio Pilato, ex giudice tutelare, e Filippo Serio, approdato al’ufficio del giudice delle indagini preliminari dal tribunale del Riesame, e Giuseppe Sidoti, magistrato della sezione
fallimentare.
Entro 15 giorni dalla ricezione del fascicolo la Procura, dice la legge, deve trasferirlo al tribunale dei ministri con le sue eventuali richieste. I giudici, dopo aver svolto le indagini preliminari, entro 90 giorni dovranno, sentito il procuratore della Repubblica, chiedere l’archiviazione o chiedere al capo
dei pm di presentare un”istanza di autorizzazione a procedere a Palazzo Madama essendo Salvini un senatore.
Anche la posizione del capo di Gabinetto, che si è detto «sereno, tranquillo e determinato», verrà trattata dal tribunale dei ministri.
Nei giorni scorsi, i magistrati di Agrigento hanno sentito testimoni come i militari della Guardia Costiera e acquisito documenti per capire da chi e in che tempi fosse partito l’ordine di non far sbarcare i profughi dalla Diciotti.
La questione Diciotti è tutt’altro che semplice: a cominciare dagli aspetti relativi alla competenza a indagare. Il sequestro di persona si è consumato quando la nave si trovava a Lampedusa, dove è attraccata per far sbarcare i migranti ammalati e, per i pm di Agrigento poteva fermarsi per compiere le procedure di identificazione, o quando, dopo l’individuazione di Catania come porto sicuro, il Viminale avrebbe espressamente vietato lo sbarco? Un interrogativo che, a seconda della
risposta, potrebbe spostare davanti al tribunale dei ministri etneo l’intero caso.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: