Sicurezza nelle scuole e genitori bulli, argomenti affrontati dal Capo dello Stato

Portoferraio (Elba, Li): 1000 alunni accolgono il presidente Mattarella, che inaugura l’anno scolastico

di Paolo Padoin - - Cronaca, Cultura, Top News

Il presidente della Repubblica,, Sergio Mattarella

Portoferraio (Isola d’Elba) – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è stato accolto dall’ovazione di oltre mille studenti e dei loro docenti, provenienti da 122 scuole di tutta Italia, all’ingresso nel Palasport di Portoferraio, all’Elba, per la cerimonia ufficiale di inizio dell’anno scolastico. Il Capo dello Stato è stato accolto con l’inno di Mameli intonato da un coro di bambini. Sono 1.096 i giovani studenti che affollano il palazzetto della scuola e provengono da 122 scuole di tutta l’Italia. Mattarella è entrato accompagnato dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti. Un lungo applauso in piedi dedicato ai bambini morti nel crollo del Ponte di Genova, chiesto dal presentatore Flavio Insinna, è stato tributato dagli studenti. All’evento era presente anche una delegazione di studenti di scuole della zona rossa di Genova.

«La scuola deve unire e non dividere o segregare. La scuola deve moltiplicare le opportunità, non ridurle. La scuola deve generare amicizia, solidarietà, responsabilità e mai seminare odio, rancore, volontà di sopraffazione,
discriminazioni di qualunque genere! Settant”anni fa, nel settembre del 1938, la stagione scolastica -ha
ricordato il Capo dello Stato- si apriva con l’espulsione dalla scuola pubblica di tutte le ragazze e i ragazzi, le bambine e i bambini ebrei. E con il licenziamento dei professori di origine ebraica. Una legge aveva dato forma a un razzismo di Stato: è una delle pagine più brutte e tristi della nostra storia. Liliana Segre -come altri- ha ricordato, in questi giorni, il suo trauma di bambina esclusa dalla scuola che era e sentiva propria. La feroce discriminazione subita. Questa è una lezione che non dobbiamo mai dimenticare».

Poi ha affrontato il tema della sicurezza negli edifici scolastici: «La sicurezza della scuola presuppone anche la sicurezza dei suoi edifici. E’ un tema di primaria importanza, che impone fermezza e responsabilità a tutte le autorità pubbliche. Le famiglie hanno diritto alla sicurezza e alla tranquillità dei ragazzi».

Una tirata d’orecchi ai genitori bulli: «Non possiamo ignorare che qualcosa si è inceppato, che qualche tessuto è stato lacerato nella società. Alcuni gravi episodi di violenza – genitori che hanno aggredito gli insegnanti dei propri figli – rappresentano un segnale d’allarme che non va sottovalutato. Il genitore-bullo non è meno distruttivo dello
studente-bullo, il cui rifiuto cresce sempre di più nell’animo degli studenti, a scuola e nel web».

Il ministro Bussetti ha ricordato «con affetto e commozione le giovani vittime del crollo del Ponte Morandi che non potranno frequentare questo anno scolastico. A loro, ai loro genitori, alle loro comunità scolastiche, a tutta Genova, va il mio pensiero e la mia vicinanza». In ricordo delle vittime di Genova si è levato un applauso da parte di tutti i presenti.

“Che sia un anno scolastico di crescita e soprattutto di sogno. Questo è l’augurio che sento di darvi _ha detto l’assessore regionale all’istruzione, alla formazione e al lavoro della Regione Toscana, Cristina Grieco_  ma mi preme anche evidenziare un aspetto che contraddistingue la vostra isola e che non è affatto secondario. Qui esiste ancora un rapporto con il contesto che vi circonda, con il territorio, che altrove si è perso. Questa è una ricchezza che dovete assolutamente difendere e non perdere”.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: