Skip to main content
Quanti si sono ritrovati in casa un'arma in eredità?

Legittima difesa: testo approvato al Senato, ora passa alla Camera

ROMA – La riforma della legittima difesa supera il primo banco di prova del Senato e ora si appresta a incassare il via libera definitivo da parte della Camera. L’obiettivo è quello di arrivare all’approvazione della legge entro la fine dell’anno. Nessun problema per la maggioranza giallo-verde: superate le perplessità dei pentastellati, che inizialmente avevano tentato di ‘attenuare’ la portata delle modifiche leghiste per poi riallinearsi, il testo leghista sulla legittima difesa incassa anche i voti favorevoli di Forza Italia e Fratelli d’Italia, che pure avrebbero preferito una riforma più incisiva con il riconoscimento di un vero e proprio “diritto alla difesa”.
Si oppongono invece il Pd e Leu, anche se i dem, durante le votazioni sugli articoli, danno il via libera alla non punibilità in caso di “grave turbamento” (per coerenza, viene spiegato, con quanto votato nella scorsa legislatura, dove il testo della riforma, poi finito in un binario morto, parlava di turbamento psicologico).

Non mancano infatti i punti controversi del testo: la parola “sempre” che, di fatto, allarga notevolmente le maglie della legittima difesa. Ma anche il “grave turbamento” che, se riconosciuto, fa sì che chi si difende non sia punibile. E ancora, la non necessaria minaccia visibile attraverso un’arma e la violenza che non deve essere per forza indirizzata verso la persona.

Il Pd con il capogruppo a palazzo Madama, Andrea Marcucci, parla senza mezzi termini di Far west che “arriva in Italia grazie ad una legge sbagliata, che aumenta i pericoli per i cittadini. Il passo indietro dello Stato vuol dire più armi in circolazione, meno sicurezza per tutti. E’ questa la illegittima difesa”.

Per Fratelli d’Italia la legittima difesa è “una storica battaglia della destra”, spiegano i senatori motivando il sì al ddl, anche se non mancano di sottolineare la delusione per un testo “troppo morbido”. Sulla stessa lunghezza d’onda Forza Italia: la lega ha dovuto “pagare dazio ai 5 stelle”, sottolinea la capogruppo Anna Maria Bernini.

La Lega, però, non si cura delle critiche, incassa la vittoria e tira dritto: “Oggi vincono le vittime. Lo Stato finalmente è con loro: senza dubbi e fin da subito. Basta gogna, basta lunghi e dolorosi processi, basta alle assurde richieste di risarcimento da parte dei parenti di qualche delinquente”, afferma il relatore Andrea Ostellari.

 

legge, legittima difesa, Senato


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741