Stranieri in Italia: sono ormai il 10% della popolazione, l’8,7% i migranti irregolari

di Paolo Padoin - - Cronaca, Lente d'Ingrandimento, Politica

Aumentano gli stranieri in Italia, che per la prima volta superano la simbolica soglia di uno ogni dieci abitanti: al primo gennaio 2018 erano infatti 6 milioni e 108 mila (+ 2,5 per cento) su una popolazione totale di 60 milioni e 484 mila residenti. A dirlo il XXIV rapporto Ismu (Iniziative e Studi sulla Multietnicità) sulle migrazioni 2018. L’incremento è dovuto anche alla crescita degli stranieri irregolari, cioè quelli che non hanno permesso di soggiorno, che sono circa 533 mila, con un’incidenza dell’8,7 per cento rispetto al totale (nel 2017 l’incidenza era dell’8,2 per cento). «L’irregolarità deriva dall’esito negativo delle richieste di asilo o dall’assenza di una formale richiesta di protezione internazionale», ha spiegato Gian Carlo Blangiardo, responsabile del settore statistica della Fondazione Ismu, nel corso della presentazione del rapporto all’Università Statale di Milano.

Infatti, nel corso del 2017 sono state oltre 80 mila le richieste esaminate – 10 mila in meno rispetto all’anno precedente – ma a sei persone su dieci è stato negato il riconoscimento di uno status legale. Sul fronte delle espulsioni, invece, dei 36 mila che hanno ricevuto il decreto di lasciare l’Italia, solo 7.045 (cioè meno del 20 per cento) di questi lo hanno fatto, di cui oltre 4 mila in modo forzato. A livello europeo l’Italia è così al quinto posto dopo la Germania con 97mila espulsi, la Francia con 85mila, il Regno Unito con 55mila e infine la Grecia, che ha all’attivo 46mila espulsi.

A fronte delle situazioni di irregolarità che si sono presentate negli ultimi dodici mesi, però, c’è da precisare che degli oltre 6 milioni di stranieri presenti sul nostro paese, l’84 per cento è iscritto all’anagrafe di un comune italiano mentre il 7,1 per cento è costituito da regolari non iscritti (o non ancora iscritti). Nel rapporto Ismu, poi, ci sono delle previsioni per quanto riguarda i neo italiani, che nel 2018 sono stati 147 mila (in calo rispetto ai 206 mila del 2016). «Tra vent’anni, però – ha chiarito Blangiardo – gli stranieri che avranno acquisto la cittadinanza saranno 5,5 milioni, cioè l’8-9 per cento della popolazione italiana».

Le nazionalità – La popolazione straniera in Italia arriva, nel 71 per cento dei casi, da paesi terzi, per un totale di 3 milioni e 582 mila. Numero che aumenta arrivando a 4 milioni e 350 mila se si aggiungono le persone di origine straniera non iscritte all’anagrafe. Dal fronte “residenti”, invece, poco meno dell’1,1 milioni arriva da paesi europei extra Ue, in particolare da Albania, Ucraina e Moldova. Una cifra identica di persone arriva dall’Africa, soprattutto da Marocco, Egitto, Nigeria, Senegal e Tunisia: nel corso del 2017 c’è stato un aumento di arrivi da paesi sub-sahariani come la Guinea, il Mali, la Nigeria, la Costa d’Avorio e la Somalia. Ma nel nostro paese è presente anche un milione di persone provenienti dall’Asia: i paesi maggiormente rappresentati sono Cina, Filippine, India, Bangladesh, Pakistan e Sri Lanka. Dall’America Latina arrivano invece circa 370 mila persone, quasi tutti da Ecuador e Perù.

Sbarchi – Il 2018 è stato un anno significativo anche per gli sbarchi. Secondo il rapporto Ismu, «i flussi migratori non autorizzati via mare verso l’Italia sono drasticamente diminuiti», in linea con quanto accaduto nella seconda metà del 2017. Lo scorso anno, ricorda Ismu, i nuovi arrivi si attestarono a 119mila persone, con un calo del 34 per cento sul 2016. Per fare un confronto con il resto d’Europa, in Spagna dal primo gennaio all’11 novembre 2018 sono arrivati irregolarmente 55mila migranti, di cui 49mila via mare e 6mila via terra. In Grecia se ne sono contati 29mila e in Italia 22mila fino al 19 novembre (diventati poi 23.011 il 4 dicembre).

Scuola – Alcuni dati rilevanti del rapporto Ismu riguardano la scuola. Dopo la crescita zero del 2015, nell’anno scolastico 2016/2017 gli alunni stranieri presenti in Italia sono tornati ad aumentare attestandosi a 826 mila (il 9,4 per cento della popolazione scolastica), cioè 11 mila in più rispetto all’anno scolastico precedente. È continuato, invece, il declino numerico degli italiani, che sono scesi sotto gli 8 milioni di iscritti. Tra le regioni, quella col il maggior numero di alunni stranieri è la Lombardia, che ne ha 208 mila, seguita da Emilia Romagna (98 mila), Veneto (92 mila), Lazio (78 mila) e Piemonte (76 mila). Infine, tra gli alunni stranieri aumentano ancora i nati in Italia, che costituiscono da quattro anni scolastici la maggioranza degli alunni stranieri. Nell’anno scolastico 2016/2017 hanno superato la quota di 500mila e rappresentano il 60,9 per cento del totale degli alunni stranieri nel nostro Paese.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.