Ma già gli estremisti annunciano una marcia sulla capitale

Parigi: la parte moderata del movimento dei gilet gialli tende la mano a Macron

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

PARIGI – Cominciano ad affiorare le prime divisioni nel movimento dei gilet gialli, proprio nel momento in cui sembrava che il Governo e Macron avessero ceduto alle proteste del movimento. Nel quale però si stanno infiltrando la politica interessata (l’opposizione di Marine LePen) e alcune frange violente di casseurs che hanno sconvolto nei giorni scorsi la capitale con inceni e devastazioni. Già si preannuncia sabato la presenza di gruppi che vogliono devastare la capitale, qualcuno prefigura anche la possibilità di morti negli scontri, mentre anche la Polizia sembra unirsi alla protesta.

Forse temendo un’escalation che diventi incontrollabile, la parte moderata del movimento, i portavoce dei Gilet gialli cosiddetti “liberi”, che hanno condannato le violenze e aperto nei giorni
scorsi a una trattativa con il governo, poi saltata, chiedono di essere ricevuti domani pomeriggio dal presidente Emmanuel Macron.  Così riferisce uno di loro, Benjamin Cauchy, intervistato in diretta da BFM-TV, Cauchy – che come gli altri portavoce liberi è stato minacciato di morte dalla
frange più radicali del movimento – ha detto che «il Paese è sull’orlo dell’insurrezione, della guerra civile. Lanciamo un appello al presidente della Repubblica affinché assuma le sue responsabilità e accolga la nostra mano tesa».

La situazione è difficile, il presidente Macron, al punto più basso del suo gradimento (si fa per dire), crollato sotto il 25%, ha dichiarato già la marcia indietro sulla tassazione che ha fatto da scintilla alla situazione incendiaria attuale, ma questa sua mano tesa non è servita a calmare gli spiriti più bollenti, che annunciano la prosecuzione delle manifestazioni. E meno male che qualcuno in Italia invocava l’arrivo di un macron nostrano: abbiamo già avuto Renzi e ci è bastato.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.