Skip to main content

Terrorismo: espulso irregolare marocchino radicalizzato islamico. Appena uscito dal carcere

ROMA – È ritenuto un soggetto a rischio radicalizzazione islamica: per questo un 37enne di nazionalità marocchina è stato espulso ieri dalla Questura di Rimini, su segnalazione della polizia penitenziaria, e accompagnato dagli agenti al Cie di Torino.
L’uomo, non regolare in Italia da almeno 22 anni, 10 dei quali passanti in carcere, era stato arrestato l’ultima volta
nel 2011 a Milano per furto, minacce, resistenza a pubblico ufficiale e spaccio di stupefacenti. Detenuto prima a San
Vittore, poi a Parma e da luglio scorso a Rimini, il 37enne negli ultimi anni era stato segnalato dalla polizia
penitenziaria dei vari carceri come possibile soggetto a rischio radicalizzazione. Nel tempo sono stati tenuti sotto controllo i suoi amici, i comportamenti sociali, le sue abitudini religiose, il suo “stato di supremazia” sugli altri detenuti tenuti da questi in “uno stato di soggezione”.
Una decina le denunce a piede libero accumulate dal 37enne durante il soggiorno in carcere per danneggiamento e atti di autolesionismo. L’uomo avrebbe dovuto finire di scontare la pena il prossimo aprile ma ieri aveva beneficiato di un provvedimento di scarcerazione anticipata, grazie alla nostra legislazione groviera.


Paolo Padoin

Già Prefetto di FirenzeMail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741