Skip to main content

Coldiretti: 2018 anno più caldo di sempre in Europa. Danni per le coltivazioni

ROMA – Il 2018 si classifica come l’anno più caldo di sempre in Europa dove le temperature sono risultate superiori di 1,78 gradi alla media storica (1910-2000). È quanto emerge dalle ultime elaborazioni Coldiretti relativa sulla base della banca dati Noaa, il National climatic data centre, dai quali si evidenzia peraltro che a livello planetario il 2018 si colloca al quarto posto tra gli anni più bollenti facendo registrare una temperatura media sulla superficie della terra e degli oceani. Rispetto alla media del ventesimo secolo si registra un incremento di 0,79 gradi, superato solo nell’ordine dal 2016 che si classifica al primo posto, dal 2017 e dal 2015.

La temperatura in Europa, precisa la Coldiretti, è cresciuta ad una media di 0,12 gradi per decennio a partire dal 1910 in cui sono
iniziate le rilevazioni. La tendenza al surriscaldamento è evidente anche in Italia dove non si sono mai registrate temperature così
elevate dal 1800 come nel 2018 che ha fatto segnare valori superiori di 1,48 gradi la media storica secondo l’Isac- Cnr.

Una svolta si è verificata in Italia a gennaio 2019 con la colonnina di mercurio che è stata inferiore di quasi un grado (-0,97) rispetto
alla media storica. Un cambiamento che è accompagnato da una progressiva tropicalizzazione del clima con il moltiplicarsi di eventi
estremi che hanno provocato solo nel 2018 danni per 1,5 miliardi di euro all’agricoltura secondo la Coldiretti. La classifica degli anni
interi più caldi da oltre due secoli si concentra infatti nell’ultimo periodo e comprende nell’ordine anche il 2015, il 2014, il 2003, il
2016, il 2007, il 2017, il 2012, il 2001 e poi il 1994

agricoltura, caldo, danni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741