Skip to main content

Inps, pensioni: da aprile già in vigore le nuove disposizioni sulla perequazione

ROMA –  Con la rata di pensione di aprile cambia il calcolo in base alle nuove fasce di perequazione previste dalla manovra 2019: non applicato nei primi tre mesi, perché troppo a ridosso del provvedimento legislativo, diventa operativo il nuovo meccanismo da applicare al triennio 2019-2021, che divide le pensioni in sette fasce. Fino allo scorso 31 dicembre 2018, invece, si applicava il precedente sistema a cinque fasce (che era stato introdotto dalla Legge di Stabilità 2014). In ogni caso, da aprile la rivalutazione delle pensioni avviene nel seguente modo:

fino a tre volte il minimo: rivalutazione del 100%. Per questi assegni, quindi, si applica il tasso di rivalutazione pieno dell’1,1%. Si tratta di pensione fino a 1539 lordi per il 2019.
Fino a quattro volte il minimo: rivalutazione al 97% del tasso di riferimento (la precedente norma prevedeva un indice di perequazione al 95%). Quindi tasso di rivalutazione 1,067%.
Fino a cinque volte il minimo: 77% (nel 2018, era al 75%).Tasso allo 0,847%.
Fino a sei volte il minimo: 52% (era al 50% nel 2018). Rivalutazione 0,572%.
Fino a otto volte il minimo: 47% (era al 45% nel 2018). Tasso: 0,517%.
Fino a nove volte il minimo: 45% (invariato), quindi tasso allo 0,495%.
Sopra nove volte il minimo: 40% (era al 45% nel 2018), quindi rivalutazione 0,44%.

Quella sopra esposta è la variazione delle fasce applicata dal 2018 al 2019. Nei primi tre mesi del 2019 è stata utilizzata una diversa rivalutazione, come previsto dalla circolare INPS 122/2018 (con una suddivisione in sole tre fasce). Dal prossimo primo aprile si applicano invece il sistema introdotto dal comma 260 della legge di Bilancio 2019, legge 145/2018, e ho personalmente potuto constatare, consultando online il cedolino di aprile, già disponibile, che effettivamente sono state applicatea le nuove disposizioni

pensione, perequazione, tagli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741