Malta: i tre migranti dirottatori arrestati accusati di terrorismo

LA VALLETTA – Il tribunale della Valletta ha confermato gli arresti con l’accusa di terrorismo per tre delle persone fermate al momento dello sbarco del mercantile El Hiblu.1, dirottato verso l’Italia e Malta mentre stava apparentemente riportando verso la Libia un gruppo di 108 naufraghi. Si tratta di tre adolescenti di 19, 16 e 15 anni. Situazione impensabile con la magistratura e le leggi italiane, da noi sarebbero stati tutti rilasciati mentre sarebbero finiti sotto inchiesta i militari intervenuti.
Secondo l’accusa, i tre hanno preso possesso della nave con minacce e intimidazioni. Secondo fonti militari non sono state però trovate armi e non è stata opposta alcuna resistenza al momento dell’abbordaggio da parte delle forze speciali maltesi.
Secondo il codice penale maltese il dirottamento di una nave è un atto di terrorismo ed è questa l’accusa che è stata confermata oggi a carico dei tre arrestati. Due provengono dalla Guinea, l’altro dalla Costa d’Avorio. I tre rischiano da 7 a 30 anni di carcere. Il capitano del mercantile, il libico Nadel El Hiblu, ha dichiarato di aver temuto di morire, ma ci sono subbi sulla sua versione

arrestati, dirottatori, migranti, terrorismo


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080