Skip to main content

Migranti: Mare Jonio chiede a Salvini un porto sicuro, ha salvato 30 migranti presso le coste libiche

LAMPEDUSA – Continuano le battaglie, come avevamo previsto, fra Navi Ong e Salvini. La mare Jonio, tornata in acqua, si è precipitata davanti alle coste libiche e , anticipando i guardiacoste libici, competenti per quella zona Sar, ha salvato, a 40 miglia dalle coste della Libia, 30 migranti che erano a bordo di un gommone in avaria. La Ong Mediterranea, su twitter, annunciava che: «La Nave Mare Jonio ha chiesto al Centro di coordinamento dei soccorsi italiano (MRCC di Roma) un porto sicuro. Ci è stata inoltrata una mail del Viminale che chiede di fare riferimento alle Autorità Libiche, quelle di un Paese in guerra dove i diritti umani non esistono». E pertanto la nave, come sua precisa intenzione, contravvenendo a queste indicazioni ha fatto rotta verso Lampedusa e, entrata in acque italiane, chiede di scaricarli in Italia. «Chiediamo ingresso in porto sicuro dove sbarcare uomini, donne incinte e bambina a bordo. #MareJonio». Così, su Twitter, la ong Mediterranea. La nave Mare Jonio che è a 12 miglia da Lampedusa è stata raggiunta poco fa da due imbarcazioni delle Fiamme gialle per controlli di polizia.

Mare Jonio, migranti, Salvini


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741