Skip to main content

Pagamenti delle pubbliche amministrazioni, i tempi migliorano. In anticipo rispetto ai termini di legge

Ministero economia e finanze

ROMA – Non c’è nessuna necessità né sono allo studio misure di finanziamento di alcun tipo, tanto meno emissioni di titoli di Stato di piccolo taglio, per far fronte a presunti ritardi dei pagamenti da parte delle Pubbliche Amministrazioni (PA) italiane. Lo assicura il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), che ha mandato una precisazione in merito per via di quelle che definisce «ingiustificate preoccupazioni e le critiche, evidentemente espresse sulla base di elementi che non tengono conto dei dati aggiornati pubblicati dal MEF».

I tempi di pagamento della PA sono in costante miglioramento, assicura il dicastero di via XX settembre a Roma: nel 2018 sono state pagate circa 20 milioni di fatture con in media 1 giorno di anticipo rispetto ai tempi di legge. Risultanti incoraggianti: solo due anni fa i giorni di ritardo erano 16. Sono dati medi ma indicano uno sforzo notevole, sia pure con ovvie differenze sia per comparti sia per aree territoriali.

miglioramento, Pa, pagamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741